Stivaletti Tabi: Maison Margiela lancia nuovi modelli

L’accessorio iconico della Maison rivisitato con una nuova silhouette e nuove texture.

maison margiela stivaletti tabi

Gli stivaletti Tabi: ovvero uno tra gli accessori iconici di Maison Margiela, uno tra i best-seller di maggior successo ed un vero e proprio must-have che – stagione dopo stagione – è stato reinventato seguendo quella filosofia di reinterpretazione (e avanguardismo) che è tratto e caratteristica del modus operandi della Maison.

Per questo modello di calzatura – ispirato al tradizionale calzino infradito giapponese e presentato inizialmente con i primi stivaletti in occasione della sfilata d’esordio per la primavera-estate 1989 – Margiela ha scelto di optare negli anni per la via della sua trasformazione, della sua evoluzione.

Louis Vuitton presenta la sua scarpa da pioggia

Eccolo allora dipinto di rosso e di bianco, riproposto in materiali come la pelle metallizzata e il neoprene, rivisitato in versione cuissard al ginocchio e alla coscia, integrato alle collezioni uomo e Artisanal o ibridato come modello di sneakers.

In continua evoluzione quindi, questo classico di Maison Margiela è proposto ora – per la Pe 2020 – con una linea più sottile ed un innovativo tacco a banana che rendono la silhouette più fine e più glamour.

maison margiela stivaletti tabi

Eccolo quindi in versione stivaletto alla caviglia, con la classica chiusura composta da bottoni a gancio nascosti dalla patta, e in versione décolleté.

Entrambe le soluzioni, riportano l’impuntura bianca sul retro tipica del marchio.  La scelta? È in pelle di vitello liscia o stampa effetto pitone e la disponibilità è in nero, bianco o con una finitura verniciata effetto craquelé ottenuta grazie al caratteristico trattamento bianchetto.

maison margiela stivaletti tabi

 

Fonte foto: Maison Margiela press office

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp