Un trend di interior design ruota attorno a un’idea che ricomprende elementi combinati in modo da raggiungere un effetto, un risultato che ha l’obiettivo di far risaltare un ambiente o, in maniera più generale, le caratteristiche della casa.

Queste possono riguardare il suo aspetto architettonico, l’esposizione o la presenza di spazi esterni grandi da valorizzare per essere goduti al massimo. Tutti attributi che spesso sono ricercati e molto ambiti tra le persone che cercano la casa perfetta per le proprie esigenze abitative che però non vogliono rinunciare al lato estetico.

Per avere una base che permetta di esprimere le proprie preferenze è meglio avvalersi in sede di ricerca di un’agenzia immobiliare specializzata come RockAgent, in grado di scandagliare il mercato in maniera sapiente, arrivando dritta al punto e ottimizzando quello che è il percorso che porterà all’acquisto dell’immobile.

Ma tornando al design, ecco alcune idee che già stanno giocando un ruolo da protagoniste e che nei prossimi mesi consolideranno la propria posizione tra i trend del momento.

1. Il ritorno dei colori caldi

I colori giocano un ruolo cruciale all’interno degli schemi dell’interior design; possono evocare ricordi, emozionare o creare una sorta di rottura dando movimento all’intero ambiente. Abbiamo riscontrato un ritorno al passato con la scelta di colori caldi che stanno andando a soppiantare tonalità più alternative che, un po’ a sorpresa, erano andate ad affermarsi negli ultimi tempi, come il viola o il verde acqua.

Tutte le tonalità del rosso, comprese quelle tendenti all’arancio scuro andranno per la maggiore, accompagnati dal marrone terroso e dal beige, quest’ultimo usato come alternativa al grigio, altro grande classico degli ultimi tempi.

2. Le curve al posto delle linee squadrate

I bordi tondeggianti e gentili danno agli arredi, ma anche alle strutture interne come muri divisori e piani d’appoggio, un senso di accoglienza e di calore diverso rispetto alle classiche linee squadrate, austere e rigorose. Questo tipo di forme, se usate in modo organico, possono essere accompagnate da sedie ampie con schienali con forme originali, specchi con forme ovali e sinuose e altri oggetti che rispettino il tema.

3. Carte da parati audaci

La carta da parati ha rappresentato un pilastro dell’interior design sino a metà anni 80’. Un modo per dare colore alle pareti che è stato abusato e che nella gran parte dei casi andava ad appesantire il contesto estetico generale. Per questo motivo questa soluzione è stata abbandonata per decenni, anche giustamente, se vogliamo. Negli ultimi mesi però stiamo assistendo a un suo parziale ritorno in una veste prettamente decorativa e limitata a singole pareti o ad ambienti determinati.

La scelta della fantasia privilegia i paesaggi maestosi, le forme astratte o geometriche, per un effetto deciso e una personalizzazione che non deve per forza tener conto del contesto globale in cui questo pattern deve essere inserito. Insomma, un’ottimo modo per liberarsi da schemi mentali, dando sfogo alla propria creatività.

4. La natura dentro casa

La spinta green si sta facendo sentire anche in quelli che sono i trend imperanti dell’interior design. Un approccio eco-friendly che va a privilegiare i colori caldi accompagnati da elementi naturali, contraddistinti da materiali che arrivano direttamente dalla natura o che la ricordano.

Il legno diventa protagonista anche in contesti urbani accompagnato da piante verdi e lussureggianti messe in vasi rustici di terracotta, mentre la pietra e il marmo ricoprono pavimenti e le superfici d’appoggio più importanti e usate nella quotidianità. Anche il tema del riciclo si fa spazio in un’idea organica che mette in primo piano la sostenibilità e la valorizzazione di oggetti esistenti che ancora possono fare la differenza se si vuole dare un tocco estetico personale alla propria casa.