Menù detox dopo le feste

Ok si sa, nel periodo natalizio si mangia. Tanto. Piu' del solito. E il nostro fisico ne risente dovendo eliminare tante tossine. Ecco allora qualche suggerimento per creare il menu' detox ideale, dalla mattina alla sera.

Un periodo di “disintossicazione”, soprattutto in inverno, e’ fondamentale per il benessere fisico. Ancor di piu’ se teniamo conto degli zuccheri, dei grassi e delle calorie accumulate con i vari pranzi e cene di Natale e Capodanno. Ma niente paura, basta poco per depurarsi e rimettersi in forma.

Nessuna dieta strana o digiuni forzati, ma solo una sana ed equilibrata alimentazione per qualche giorno. Anche perche’ seguire un periodo detox a tavola può essere si’ un valido aiuto per dimagrire, ma soprattutto per correre in aiuto di fegato, reni e intestino che, insieme a pelle e polmoni, si occupano di espellere le tossine dall’organismo.

GUARDA ANCHE: Centrifughe e infusi: ricette per la salute in un bicchiere

Non esiste una dieta detox prefissata e sempre uguale. L’ideale sarebbe prediligere un’alimentazione sana a base di verdura e frutta fresca, con cereali integrali e legumi, senza fritti o cibi troppo grassi, senza alcool e limitando le proteine animali. In pratica la “buona e vecchia” dieta mediterranea, da mettere in pratica sempre, tutto l’anno. Ma quando c’e’ bisogno di un’azione d’urto, di recuperare energia, perdere un po’ di peso e far funzionare al meglio il corpo con vantaggi anche per la mente allora entra in campo la dieta detox.

Per quanto tempo fare la “dieta detox”

In generale e’ meglio seguire un regime alimentare disintossicante per 1 settimana ogni 2 o 3 mesi oppure solo qualche giorno ma una volta al mese.

I benefici della “dieta detox”

– Sgonfia la pancia
– Fa perdere peso
– Aiuta il drenaggio dei liquidi
– Migliora la stipsi
– Aiuta la digestione
– Rafforza le difese immunitarie
– Aumenta le energie
– Rende più luminosi pelle e capelli

Quali alimenti non possono mancare in una dieta detox

Carciofi – Aglio – Spinaci – Broccoli – Finocchi – Sedano – Cavolo viola – Sedano – Barbabietola – Avocado – Mele – Limone – Curcuma – Zenzero – Té verde – Agrumi (soprattutto pompelmo)

La giornata tipo seguendo una dieta detox

Al mattino: appena svegli bevete ancora a digiuno una tazza di acqua calda con il succo di limone, poi un centrifugato di frutta e verdura con un cucchiaino di miele e due fette di pane integrale.
Verso metà mattina: bevete due tazze di tè verde, uno yogurt magro e un frutto di stagione.
Prima di pranzo: bevete un centrifugato, vi aiuterà a sentirvi sazi.
A pranzo: verdura cruda (circa 300gr), un cereale a scelta con verdure cotte e semi oleosi e come condimento succo di limone, olio evo e pepe.
A merenda: verso metà pomeriggio potete bere una spremuta fresca di agrumi e una tazza di tè verde, se volete dolcificato con miele.
Prima di cena: bevete un altro centrifugato.
A cena: una vellutata o una minestra di legumi (ceci, fagioli, lenticchie, piselli…) e un’altra porzione da 300gr di verdure bollite o crude.
Prima di andare a letto: concludete la giornata con una tazza di acqua bollente con lo zenzero.

8 ricette detox veloci e gustose

Cominciamo coi frullati (che in una dieta detox sono fondamentali)

Frullato melograno e mela
300 ml di succo di melograno
1 banana tagliata a fettine
125 gr di yogurt al naturale
100 grammi di mela

Frullato alla barbabietola
1 piccola barbabietola rossa lessata
2 cucchiaini di zenzero fresco tritato
1 pera matura
1 mela matura
1 carota cotta a vapore
2 cucchiai di succo di limone
2 bicchieri d’acqua

Frullato verde
1 mazzetto di spinaci freschi
1 manciata di foglie di menta
1 manciata di prezzemolo fresco
1 cucchiaio di succo di limone
1 pezzetto di zenzero fresco
mezzo finocchio
4 gambi di sedano

Possono mancare le insalate in un menù leggero? Ovvio che no. Eccone un paio diverse dal solito e soprattutto di stagione.

Insalata di cavolo viola e melograno
Ingredienti (quantità a vostro piacere)
– cavolo viola
– melograno
– carote
– mandorle
– olio evo
– arancia da spremere
– miele d’acacia

Tagliate il cavolo a listarelle sottili e mettetelo in una ciotola. Sgranate il melograno e unite i chicchi al cavolo. Pulite e tagliate le carote a striscioline con il pelapatate e unite anch’esse all’insalata. Tostate le mandorle e tritatele grossolanamente. Spremete l’arancia e unite il succo a dell’olio evo e a un cucchiaino di miele. Mixate il tutto con una forchetta e condite l’insalata. Servite con la granella di mandorle.

Insalata tiepida d’inverno
Ingredienti per 4 persone
250gr cimette di broccolo romano
200gr finocchio
150gr sedano
80gr spinaci novelli
60gr pancetta a fettine
1 foglia di alloro
succo di 1 limone
olio extravergine d’oliva q.b.
sale e pepe q.b.

Lavate tutte le verdure. Sbollentate le cimette di cavolfiore e il finocchio tagliato in spicchi in acqua bollente con un filo d’olio e una foglia di alloro per 10 minuti circa. Scolateli e teneteli in caldo.
Tagliate a striscioline la pancetta e rosolatela in padella molto calda per pochi minuti senza grassi fino a quando non sarà diventata croccante dopodiché mettetela in un mixer e create una granella. Affettate il sedano e tenetelo da parte. In una ciotolina preparate la vinaigrette sbattendo olio, succo di limone sale e pepe nero.
Mescolate gli spinaci freschi con il sedano, il cavolfiore e il finocchio, condite con la vinaigrette e servite con una spolverata di pancetta croccante.

Ed ora è il momento di un grande classico: una bella zuppa. Ma in questo caso naturalmente detox e per di più rosa!

Zuppa di barbabietole, finocchi e mele
Ingredienti per 4 persone
– per il brodo vegetale
1 grossa cipolla bianca pelata e tritata grossolanamente
2 carote grandi
1 gambo di sedano tritato grossolanamente
1 grande porro lavato e tritato grossolanamente
2 spicchi d’aglio sbucciati e schiacciati con il lato di un coltello
3 rametti di prezzemolo
4 rametti di timo fresco
2 rametti di dragoncello fresco
1 foglia di alloro
1 cucchiaino di sale marino grosso
1 cucchiaino di pepe nero in grani
3 litri circa d’acqua
– per la zuppa
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 finocchio, tagliato a dadini
1 cipolla bianca tagliata a dadini
1 spicchio d’aglio, finemente tritato
3 barbabietole medie, sbucciate e tritate grossolanamente
2 piccole mele Granny Smith, sbucciate e tritate grossolanamente
1,5l di brodo (v. sopra)
pepe nero macinato fresco

Mettete tutti gli ingredienti del brodo in una pentola, coprite di acqua, portate a ebollizione e poi abbassate la fiamma e fate cuocere per 45 minuti.
In una pentola mettete l’olio, aggiungete il finocchio, la cipolla, l’aglio e un pizzico di sale. Cuocete per circa 10 minuti (le verdure devono ammorbidirsi, ma non rosolare).
Aggiungete le barbabietole, le mele e il brodo. Portate a ebollizione. Abbassate la fiamma e fate sobbollire fino a quando le barbabietole e le mele sono completamente morbide (circa mezz’ora). Frullate la zuppa con un frullatore a immersione e condite con sale e pepe.
Se volete si può aggiungere al momento di servire una quenelle di yogurt di capra mescolato a della radice di rafano tritata.

Un secondo di pesce è l’ideale per completare questo menù disintossicante

Seppie con finocchi e arance
500gr seppie pulite
100gr finocchio
60gr spinaci novelli
2 arance + 1 per la scorza
1 mela
1 ciuffo di prezzemolo fresco
scalogno
1 peperoncino fresco
vino bianco secco
olio extravergine d’oliva

Dividete i ciuffi delle seppie dai corpi. Metteteli in una casseruola con il prezzemolo, 2 cucchiai di olio, 2 mestoli di acqua; cuocete a fuoco molto basso, con il coperchio, per 10 minuti circa. Aggiungete anche i corpi delle seppie e cuocete per altri 10 minuti. Spegnete e lasciate riposare le seppie nella loro acqua. Tagliate il finocchio a fettine sottili e mettetele a bagno in acqua ghiacciata. Pelate a vivo 2 arance, poi tagliatele a fettine e lasciatele da parte. Prendete l’altra arancia e con il pelapatate ricavate tre scorzette dalla buccia. Sbucciate la mela, tagliatela in quarti e mettetela in una padella con mezzo scalogno affettato, un goccio di vino e un mestolo di acqua, lasciate cuocere a fuoco medio per 10 minuti; aggiungete il peperoncino e le scorze di arancia. Togliete quest’ultime e frullate il tutto per ottenere una salsa. Sgocciolate le seppie dall’acqua di cottura, asciugate i finocchi e impiattate il tutto aggiungendo le fettine di arancia, gli spinaci freschi e un cucchiaio di salsa. Completate con un filo d’olio a crudo e una grattugiata di scorza d’arancia.

E anche in un menù detox non può mancare il dolce

Zuppetta di mandorle con ananas e scorze di agrumi

– per l’ananas
400gr ananas
200gr succo di arancia rossa
anice stellato
– per la zuppetta
100gr mandorle pelate
40gr olio extravergine di oliva
10gr pane integrale
8gr aceto di Sherry
sale
– per la salsa
45gr scorza di arancia
15gr scorza di limone
20gr succo di mela
2gr sale

Sbucciate l’ananas e tagliatelo a fette spesse un paio di centimetri. Fatele marinare per una notte con il succo di arancia e un paio di stelle di anice. Passata la notte mettete l’ananas in una pentola con la sua marinata e appena prende bollore allontanatelo dal fuoco e lasciatelo intiepidire. Dopodiché tagliatelo a pezzettini.
Nel frattempo in un mixer mettete le mandorle, l’olio, l’aceto, il pane, il sale, 50g di acqua e 50g di liquido di cottura dell’ananas. Versate in una ciotola e lasciate da parte.
Sbollentate le scorze degli agrumi per 4-5 volte in acqua, cambiandola ogni volta. Frullatele poi con 100g di acqua, il succo di mela e il sale.
A questo punto potete impiattare versando la zuppetta di mandorle nei piatti, aggiungendo l’ananas marinato e completando con la salsa di scorze di agrumi e un goccio di liquido di cottura dell’ananas.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp