A Napoli il “Bufala Fest” e la Carta dei diritti alimentari dei bambini!

“Fratelli la bufala” è main sponsor della seconda edizione del “Bufala fest” dove ha dato il via all’importante progetto della Carta per i diritti alimentari dei bambini.

“Bufala Fest” è un vero e proprio evento per la città di Napoli e non solo. Organizzato da “Filiera Bufalino” che promuove i prodotti derivanti dall’allevamento della bufala, è arrivato alla sua seconda edizione, e punta a valorizzare il territorio campano, la sua economia e le sue antiche tradizioni agroalimentari, con un occhio di riguardo al benessere a tavola.
Dal 1 al 5 giugno, 2mila metri quadri di gusto, da piazza della Repubblica fino a piazza Vittoria, dove sono attesi oltre 100mila visitatori alla scoperta delle 90 aziende coinvolte e degli oltre 350 prodotti tipici da gustare.
bufalafest
Fratelli la Bufala è main sponsor della manifestazione avendo per prima, fin dalla sua apertura nel 2003, individuato nel bufalo una caratteristica distintiva – evidente anche nel suo logo – dell’offerta gastronomica con una selezione di prodotti che godono delle peculiarità dell’animale e delle sue produzioni: da un lato tagli di carne di bufalo allevato in Campania, tenera dal sapore gustoso ma delicato, altamente digeribile e con un basso tenore di colesterolo e contenuto calorico, dall’altro la Mozzarella di Bufala Campana, composta al 100% da latte di bufala, facilmente digeribile, con un ridotto contenuto di lattosio, sodio e colesterolo.
bufale
L’attenzione alla cucina ha fatto sì che Fratelli la Bufala accogliesse l’invito di tradurre in realtà la Carta per i diritti alimentari dei bambini, un documento che rappresenta un importante vademecum per genitori, insegnanti e tutti gli addetti alla ristorazione di qualsiasi grado e professione e fissa i diritti alimentari che devono essere rispettati per garantire una sana nutrizione e alimentazione dei bambini.Studi medici dimostrano infatti come, soprattutto in Campania, nei bambini tra i 6 e gli 11 anni il 26% è sovrappeso e l’8% obeso!

Rosaria Castaldo promotrice della Carta afferma: “Nel 2004 rendendomi conto del gap che esisteva tra la crescita dell’Alta cucina e la pessima offerta dei ristoranti per i bambini, decisi di contattare i grandi esperti di cucina e alimentazione, tra cui Gualtiero Marchesi, Giorgio Calabrese, il prof. Francesco Tonucci del CNR, ed altri esperti per creare un gruppo di lavoro. La “task force” si riunì presso l’Alma e ciò che nacque, a distanza di diversi mesi di lavoro complesso ed entusiasmante, fu la Carta dei diritti alimentari per la crescita”.
IMG_5797
Ma la Carta è rimasta per anni sempre nel limbo teorico delle istituzioni e oggi finalmente, grazie a Fratelli la Bufala, l’idea ed i princìpi teorici si sono trasformati in un vero e proprio menu esclusivo per bambini attraverso una gara di cucina.
Si tratta del numero zero di un format che verrà poi riproposto in tappe itineranti per arrivare a definire il menu Fratelli la Bufala per bambini che sarà adottato da tutti i 63 ristoranti (50 in Italia e 13 all’estero) della catena nel mondo.
Nella gara vera e propria ai fornelli si confrontano cinque squadre formate ognuna da uno chef con una mamma come assistente, preparando un piatto ispirato alle linee guida della Carta. I piatti vengono poi giudicati da una giuria di esperti formata da dieci bambini tra i 6 e gli 11 anni, tre medici esperti dell’infanzia, tre mamme, tre giornalisti di food e tre chef.

La nutrizionista specializzata in alimentazione per l’infanzia dott.ssa Francesca Poggiante è rimasta sorpresa dei risultati della giornata: “Questa è la dimostrazione che i bambini se ben accompagnati nella scelta delle pietanze mangiano bene e mangiano tutto”.

Tra le ricette cucinate (senza utilizzare grassi idrogenati, salse industriali, glutammato o alimenti geneticamente modificati), tanti piatti a base di verdure, carne di bufalo, legumi, pesce e frutta. Per esempio gnocchetti di ceci alle vongole, polpette di pesce e, il vincitore indiscusso, lo sformato, ossia una frittatina al forno con olio Evo, spinaci, patate e mozzarella di bufala DOP.
ph_pizza_FratellilaBufala
Intanto avete ancora tutto il weekend per andare allo stand di Fratelli la Bufala sul Lungomare Caracciolo a Napoli e assaggiare le pizze, i cestini ripieni di brasato di bufalo e gli hamburger di bufalo con melanzane a funghetto e Mozzarella di Bufala Campana.

Info:
Dove _ lungomare Caracciolo, Napoli
Quando _ dal 1 al 5 giugno 2016, dalle h12.30 a mezzanotte
Quanto _ un biglietto, che comprende un menù completo, costa 12euro

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp