Giorgio Armani: stop alle pellicce animali

È ufficiale l'accordo stretto tra Giorgio Armani e la Fur Free Alliance, con il quale la maison si impegna a dire basta alle pellicce, considerate inutile crudeltà.

A partire dalla stagione Autunno-Inverno 2016-17, le collezioni di Armani saranno volte alla totale abolizione delle pellicce, decisione presa per tutelare e salvaguardare animali ed ambiente.

“Sono lieto di annunciare il concreto impegno del Gruppo Armani alla totale abolizione dell’uso di pellicce animali nelle proprie collezioni. Il progresso tecnologico raggiunto in questi anni ci permette di avere a disposizione valide alternative che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali. Proseguendo il processo virtuoso intrapreso da tempo, la mia azienda compie quindi oggi un passo importante a testimonianza della particolare attenzione verso le delicate problematiche relative alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale” afferma Giorgio Armani.

Si tratta di una svolta storica per il mondo del fashion, che la Lav, Lega Anti Vivisezione definisce: “Progetto di grande successo, che conferma l’interesse crescente del pubblico verso prodotti moda etici e le straordinarie potenzialità creative, produttive e di business del settore”.

Accanto ad Armani, altri celebri nomi del mondo della moda hanno scelto il “fur free”. Ne sono un esempio Stella McCartney, Hugo Boss, Tommy Hilfiger e Calvin Klein.

Commenti

comments