Alla Triennale di Milano “Graphic Design Worlds” in collaborazione con GAS

Dal 26 Gennaio al 27 Marzo 2011 potrete visitare la mostra “Graphic Design Worlds” presso la Triennale di Milano. La mostra è curata da Giorgio Camuffo che si è posto l’obbiettivo di presentare la ricchezza del graphic design italiano. Ogni graphic designer ha interpretato con creatività, la realtà che ci circonda, sviluppando un dialogo tra […]

Dal 26 Gennaio al 27 Marzo 2011 potrete visitare la mostra “Graphic Design Worlds” presso la Triennale di Milano. La mostra è curata da Giorgio Camuffo che si è posto l’obbiettivo di presentare la ricchezza del graphic design italiano. Ogni graphic designer ha interpretato con creatività, la realtà che ci circonda, sviluppando un dialogo tra vari settori come l’arte, la musica, la moda, il cinema e l’architettura. GAS con questa sponsorizzazione conferma dunque il proprio interesse nei confronti di tutto ciò che esprime emozioni ed è frutto di creatività.

Barbara Grotto, responsabile della Comunicazione di GAS ha commentato: “Proprio questo approccio progettuale, da noi condiviso e già portato avanti nello sviluppare il libro-progetto 25 Days: a project of real life ci ha convinti a sponsorizzare la mostra Graphic Design Worlds che, quindi, non sarà solo un momento di esposizione da fruire passivamente ma una selezione di esperienze significative capaci di stimolare nei visitatori riflessioni e interesse. Un’esperienza creativa, insomma, capace di oltrepassare il tempo e lo spazio dati dal percorso della mostra e che, infatti, avrà un seguito attraverso la creazione di una collezione di T-shirt in limited edition che alcuni giovani grafici, scelti fra i protagonisti della mostra, stanno realizzando in esclusiva per GAS. La capsule collection sarà oggetto di un lancio dedicato nel corso del prossimo Fuorisalone”. A.R.

Registrati gratis a Privalia: sconti fino al 70%

Iscriviti alla NEWSLETTER di Fashion Times

Graphic Design WorldsGraphic Design Worlds
Graphic Design Worlds
Graphic Design WorldsGiorgio Camuffo e Barbara Grotto

Commenti

comments