MasterChef: dallo stile del Giappone al gusto di Napoli

Prima la fregola, poi i noodles e gli spaghetti. A MasterChef si celebra la pasta in tutte le sue forme. E per concludere via libera al lusso su uno yacht a Procida.

Una sfida assurda

Con la Mistery Box “tu fai la spesa a un altro concorrente per metterlo in difficoltà” MasterChef conferma la voglia di essere più uno show di personaggi piuttosto che di cucina. Pretendere che qualcuno crei un piatto unendo per esempio mortadella, cioccolato, fegatini e vongole è stupido oltre che assurdo.
Comunque chi riesce a uscire vincente da questa “sfida” è uno dei pochi concorrenti che dimostra passione e interesse per il cibo, ossia il giovanissimo Valerio che ha preparato un risotto di fregola con un tuorlo impanato perfetto.

La cucina giapponese al top

Nell’Invention test poi i 12 aspiranti apprendisti cuochi rimasti hanno dovuto sperimentare un tipo di cucina lontana dalle nostre tradizioni gastronomiche ma sempre più amata: quella giapponese.
Chef Masaharu Morimoto è il super ospite. Un nome che in tutto il mondo è sinonimo di cucina giapponese. Executive Chef del celebre Nobu a New York, “veterano” della cucina creativa fusion contemporanea.
La tempura udon è il tipico piatto giapponese che Valerio sceglie come protagonista della sfida. È composto da noodles spessi e ruvidi, simili agli italianissimi pici, immersi in un brodo saporito e accompagnati da una fragrante tempura di gamberi. La chiave è proprio il brodo, ottenuto con un mix di dashi, salsa di soia e mirin.
Gloria lo replica al meglio mentre il cagliaritano Daniele, dopo essersi sempre salvato all’ultimo momento nelle puntate passate, questa volta torna a casa.

Canoe e catamarani di lusso

Si volta completamente pagina e dal Giappone ci si sposta a Napoli, dove 40 atleti di canottaggio – tra cui il super campione Giuseppe Abbagnale – sono pronti per un pranzo post gara tutto a base di pasta, dall’antipasto al dolce.
La caprese rivisitata con gli spaghetti al caramello sembra essere stata una scelta vincente che porta la squadra di donne e Valerio, alla prossima puntata.
Gli uomini e Giulia provano invece l’emozione di cucinare a bordo di un catamarano di lusso e fare da chef di bordo per un pranzo in mezzo al mare di Procida per i 4 giudici – Cannavacciuolo, Cracco, Barbieri e Bastianich – in tenuta marina.

L’eliminazione rimane in sospeso alla prossima puntata.
Speriamo non venga eliminata la buona cucina.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp