Paracolpi lettino sì o no? Pro e contro per proteggere i bambini

Quando scoprono di essere in dolce attesa i futuri (neo)genitori iniziano con anticipo ad acquistare tutto ciò di cui il bebè potrà avere bisogno nei primi mesi di vita. Tra le numerose necessità di un neonato c’è sicuramente la culla o comunque la soluzione scelta per far dormire il cucciolo, perché i più piccoli, i primi tempi, passano molto tempo dormendo o comunque sdraiati. Ma come attrezzarsi quando il piccolo passerà al lettino? È utile e sicuro dotarsi di un paracolpi?

paracolpi per lettino bimbo

Come sempre quando si discute di oggetti dedicati al fabbisogno dei più piccoli i dibattiti si aprono e talvolta le discussioni si accendono non poco; ognuno ha il proprio parere, praticamente su tutto. Ecco dunque che la risposta univoca ai questiti è difficile (se non impossibile) da trovare, anche perché spesso si tratta i questioni esclusivamente o almeno prevalentemente soggettive.

Non avere figli: 10 aspetti davvero positivi

Per quanto riguarda la scelta di utilizzo (o non utilizzo) del paracolpi per il lettino, il mondo delle mamme è diviso tra chi lo sostiene con fervore e chi invece preferisce non utilizzarlo. Ma quali sono i motivi che portano verso una via piuttosto che un’altra?

Paracolpi per lettino bimbi. Perché non utilizzarlo

Proteggere i bambini è certamente l’obiettivo di tutti i genitori, motivo per il quale vengono fatte alcune scelte, talvolta molto discusse.

Il paracolpi per lettino è nato anni e anni fa per essere inserito all’interno del letto con le sbarre, lungo il perimetro dello stesso, per evitare che il bambino potesse incastrarsi con la testa tra le doghe, che tempo fa erano più distanziate tra loro rispetto a quelle che si trovano nei lettini di oggi. Il paracolpi altro non è che un cuscino che dovrebbe impedire al bambino di farsi male con il legno posto lungo il perimetro del lettino.

Ma se il paracolpi per il lettino nasce come strumento di tutela del bambino, come mai può essere ritenuto pericoloso? Nella seconda metà egli anni 2000 uno studio americano ha manifestato che 27 morti di bimbi piccoli sono da ricondurre al paracolpi del lettino; alcuni sono morti per aver avuto il viso premuto contro al parcolpi, altri a causa della fascetta che dovrebbe legare il paracopli alle doghe del lettino, ritrovata invece legata al collo del bebè.

Scegliendo di non utilizzare il paracolpi è possibile che il bambino possa sbattere la testa sul legno del lettino, tuttavia se la caverebbe con un livido o con qualche dolore agli arti qualora dovessero incastrarsi tra le doghe. A sostegno della tesi che ritiene pericoloso l’utilizzo del paracolpi, ecco dunque che si schierano i genitori che lo vedono come un vero e proprio accessorio capace di causare situazioni di grave entità.

Nel 2011 l’American Academy of Pediatrics (AAP) ha quindi raccomandato ai genitori di non dotare il lettino del paracolpi, dichiarando che non ci sono prove che quest’ultimo sia in grado di prevenire infortuni, rimanendo comunque causa di un possibile soffocamento, strangolamento o intrappolamento.

Paracolpi intrecciati per lettino. Sono sicuri?

Quando si scelgono gli accessori per i bambini capita spesso di lasciarsi prendere dall’estetica, che indubbiamente è molto accattivante nei colori e nello stile. Vale lo stesso anche in materia di paracolpi, poiché navigando in rete è facile trovare moltissimi modelli davvero irresistibili. Ma sono sicuri? Tutelano i più piccoli dai possibili incidenti che potrebbero verificarsi?

Uno su tutti i modelli ritenuti più belli è quello che si presenta come una lunga treccia colorata e che si posiziona come un vero paracolpi davvero molto bello da vedere, ma altrettanto criticato per la sua sicurezza. Pare infatti che le maglie di questa grossa treccia possano intrappolare la testa, le braccia o le gambe dei piccoli durante il sonno, creando così un reale pericolo per il bambino.

Paracolpi per lettino. Perché utilizzarlo

Accanto a coloro che mai inserirebbero un paracolpi alla lista delle cose da comprare per i propri figli, si posizionano coloro he invece non potrebbero farne a meno. Questi ultimi confermano che, alla fine, nonostante le discusioni, nessun paracolpi per lettino sia mai stato definito come causa esclusiva di decesso di un bambino. I sostenitori dell’utilizzo del paracolpi, infatti, sostengono che rimuovendo il paracolpi si andrebbero a rimuovere anche i benefici che il paracolpi stesso è in grado di conferire al bambino e di riflesso ai suoi genitori.

Tra le possibili opzioni è inoltre possibile scegliere tra paracolpi che coprono metà lettino e altri che invece si sviluppano lungo l’intero perimetro. Quale scegliere? Molto dipende dal bambino e da quanto si muove durante la notte, poiché se il bebè ha la tendenza a farsi ritrovare ogni volta in una posizione diversa, alternando anche testa e piedi, allora è probabile che un paracolpi che non copre tutto il perimetro non sia sufficiente.

Un consiglio prima di procedere all’acquisto è quello di guardare al design, ma solo fino a un certo punto, poiché la cosa fondamentale da valutare è sempre la qualità e di conseguenza la sicurezza di ciò che stiamo comprando, soprattutto se andrà in contatto con i nostri figli. L’occhio vuole sempre la sua parte, è vero, ma con la sicurezza non si scherza, mai.

Paracolpi per lettino bimbo. Quale scegliere

Oggigiorno esistono moltissimi modelli di tutto, accessori letto compresi. Moltissime sono le tipologie di paracolpi per lettino e una volta fatta la scelta di utilizzarli, ecco che i genitori avranno solo l’imbarazzo della scelta.

Ci sono i modelli più tradizionali che si presentano come cuscini e altri, sicuramente più moderni che sono fatti in rete e pensati per evitare qualsiasi rischio di soffocamento. Sono molti i brand che si occupano di accessori letto per bambini tra cui anche i paracolpi; resta solo da scegliere il modello più adatto, che non per forza deve essere uno piuttosto che un altro, perché ogni famiglia ha le proprie esigenze.

Qualunque sia la scelta dei genitori, l’importante è agire sempre con coscienza, mettendo i bambini in sicurezza in ogni momento, riuscendo così ad avere una totale tranquillità durante il giorno e anche durante la notte. Questo vale per tutto, paracolpi incluso!


Fonte foto: bruce mars on Unsplash

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp