Bruxelles: cosa vedere e cosa mangiare e cosa bere

Avete trovato un biglietto aereo a prezzo super conveniente per Bruxelles ma siete indecisi se acquistarlo o meno? Non pensateci due volte!
bruxelles cosa vedere, cosa mangiare, cosa bere

La capitale del Belgio è una perla di cultura, arte e deliziosa gastronomia che aspetta solo di essere scoperta.

Se siete alla ricerca di una fuga fra Art Nuveau, storia contemporanea e tanta cioccolata, scoprite con noi cosa vedere, cosa mangiare e cosa bere a Bruxelles.

Cosa vedere a Bruxelles

Grand Place

Centro nevralgico della vita di Bruxelles, la Grand Place è un vero e proprio simbolo della città. Annoverata dal 1998 fra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, questa piazza mastodontica ospita alcuni degli edifici più importanti della capitale.

L’edificio più famoso è sicuramente l’Hôtel de Ville, capolavoro in stile gotico brabantino che oggi svolge la funzione di municipio di Bruxelles. Sulla cima della sua Tour Inimitable si erge la statua di San Michele Arcangelo, santo patrono della città.

Di fronte all’Hôtel de Ville si trova invece la Maison du Roi, anch’essa in stile gotico e sede del Museo civico di Bruxelles.

Tutto intorno a questi formidabili edifici sorgono le cosiddette Case delle Corporazioni, un tempo sedi dei più potenti mercanti e artigiani di questa parte d’Europa. Le decorazioni delle facciate sono ancora evocative degli antichi padroni di queste dimore: dai panettieri agli ebanisti, dai battellieri ai sarti. Imperdibile una visita alla Corporazione dei Birrai, oggi sede del Musée de la Bière.

Visitare la Grand Place è sempre emozionante, ma l’esperienza diventa ancora più peculiare al mattino, quando qui si svolge il tradizionale mercato dei fiori. E a proposito di fiori, se vi capita di essere a Bruxelles a ferragosto di un anno pari, potrete assistere ad uno spettacolo unico al mondo. È l’Infiorata, un tappeto di begonie lungo 75 metri e largo 25 che trasforma la piazza in un capolavoro a cielo aperto.

Ilot Sacrè e Gallerie Saint Hubert

Dalla Grand Place spostarsi nel cuore pulsante della città è questione di pochi passi. A ridosso della piazza si trova infatti l’Ilot Sacré, il quartiere più autentico di Bruxelles. Chiamato letteralmente “l’isolotto sacro”, questo dedalo di vicoli e strade pedonali vi inebrierà con i profumi delle sue botteghe e dei suoi ristorantini.

Mentre vi perdete fra stradine dai nomi pittoreschi come via del Burro e via dell’Acciuga, fate caso alla spettacolarità degli edifici, sapientemente mantenuti e restaurati dall’epoca medievale e rinascimentale.

Uno dei punti focali dell’Ilot Sacré sono le Gallerie Reali di Saint Hubert, tempio di lusso e shopping, ma anche di storia e cultura. Eretta a metà del XIX secolo, questa fu la prima galleria coperta in Europa, un luogo raffinato pensato per gli incontri fra artisti e intellettuali dell’epoca. Oggi al suo interno si trovano le boutique e i negozi più lussuosi della città, ma il fascino dell’architettura in stile rinascimentale e dell’immensa cupola in vetro resta intatto.

Manneken Pis

Se vi trovate nel centro storico di Bruxelles, non potrà mancarvi la visita ad uno dei simboli più eccentrici della città. Si tratta del Manneken Pis, statua di un bambino che fa pipì posta all’angolo fra Rue de l’Etuve e Rue du Chêne.

Leggenda narra che la statua sia dedicata ad un bambino che, in tempo di guerra, riuscì a estinguere la miccia di una bomba nemica…facendoci la pipì sopra.

Anche se l’origine della statua non è certa, la sua immensa popolarità è cosa sicura. Basti pensare che è tradizione cittadina regalare al Manneken abiti e vestiti per commemorare occasioni speciali. Il Museo della città ne ospita più di 800!

In altre zone di Bruxelles sono poi ubicate statue “sorelle” del celebre fanciullo, la più famosa delle quali è Jeanneke Pis in Rue des Bouchers. Scovare le altre figure ritratte in questa posizione peculiare sarà un tocco divertente in più per il vostro viaggio.

Palazzo di Giustizia

Impossibile non notarlo. Situato nella zona alta di Bruxelles, il Palazzo di Giustizia è una vera e propria costruzione dei record. Edificato nella seconda metà del XIX secolo, una volta terminato fu riconosciuto come l’edificio più grande al mondo.

Alto 104 metri e con una superficie di 26mila metri quadrati, questo palazzo titanico dalla facciata in stile eclettico è oggi sede del tribunale di Giustizia belga ed è visitabile gratuitamente.

Cattedrale di San Michele e Santa Gudula, Notre Dame du Sablon, Basilica del Sacro Cuore

Non solo edifici civici: anche le architetture religiose di Bruxelles sono davvero imponenti. Prima fra tutte la Cattedrale di San Michele e Santa Gudula, un edificio risalente al XI secolo ed emblema dello stile gotico brabantino. All’interno sarete incantati dalle sue gigantesche vetrate colorate e dalla svettante volta del coro, mentre l’organo di Grenzing a 4000 tubi e 4 tastiere vi lascerà senza fiato.

Altra chiesa da non perdere è Notre Dame du Sablon, costruzione gotica situata nell’omonimo quartiere. Anche in questo caso la vista è dominata dalle enormi vetrate, alte ben 15 metri, ma anche il pulpito in legno seicentesco non lascia indifferenti.

Ben più recente ma ugualmente scenografica è la Basilica del Sacro Cuore. Costruita in Art Dèco all’inizio del XX secolo, con i suoi 167 metri di lunghezza e quasi 90 metri di altezza è la quinta chiesa più grande al mondo.

I musei di Bruxelles

Dal medioevo all’età contemporanea, Bruxelles ha raccolto le opere d’arte dei geni creativi di tutta Europa, ed oggi li espone al pubblico nei suoi musei.

A partire dai Musei Reali di Belle Arti, che nelle due sedi cittadine ospitano più di 1000 opere fra dipinti, sculture, disegni e installazioni. Il Museo dedicato all’arte antica racchiude capolavori di celebri pittori fiamminghi come Bosh, Van Dyck, Bruegel e Rubens, mentre il Museo di Arte Moderna espone tavole di giganti come Delacroix, Jacques-Louis David, Van Gogh e Gauguin.

Dello stesso complesso museale fa parte anche il Museo Magritte, dedicato ad uno dei maggiori esponenti dell’arte surrealista.

Più di nicchia ma altrettanto godibili sono poi la Casa del Fumetto e il Centro belga del Fumetto, entrambi dedicati alle tavole di grandi classici come i Puffi, Lucky Luke e Tintin, i quali hanno visto la luce proprio in Belgio.

Sempre per intenditori ma ugualmente affascinante è il Museo degli Strumenti Musicali. Qui troverete più di 7000 strumenti sia occidentali che orientali, e ne potrete ascoltare il suono grazie ad un sistema di cuffie ad infrarossi.

Quartiere du Sablon

Lo splendido edificio Art Nouveau che ospita il Museo degli Strumenti Musicali è solo una delle magnifiche costruzioni che costellano il Quartiere du Sablon. Questo angolo della città è infatti famoso per i palazzi eleganti che ne fiancheggiano le strade e per le piazze verdi curatissime.

Assolutamente da vedere sono Place du Grand Sablon, sede di un raffinato mercato dell’antiquariato, e Place du Petit Sablon, con il suo parco con vista sulla chiesa di Notre Dame.

Gli amanti dell’arte moderna e contemporanea potranno poi immergersi nelle gallerie situate nella parte alta del quartiere, oppure visitare il pittoresco mercatino delle pulci di Marolles.

Parco di Bruxelles e Palazzo del Re

Anche Bruxelles ha il suo Central Park. È il Parc du Bruxelles, anche detto Warandepark, area verde di ben 13 ettari situata nel centro della città.

Un tempo riserva di caccia reale, il Parco di Bruxelles ospita ancora il Palazzo del Re, dimora del Re del Belgio. Anche se la monarchia belga si è spostata a vivere fuori dal centro, nel castello di Laeken, questo edificio imponente ne porta ancora con orgoglio le tracce sotto forma di opere d’arte e giardini spettacolari. Il Palazzo è infatti visitabile e vi incanterà con la magnificenza della Sala degli Specchi e della Sala del Trono, in cui ornamenti e opere classiche si fondono con pezzi di arte moderna e contemporanea.

Quartiere Europeo

Se volete una pausa dalle bellezze storiche e cercate l’anima più contemporanea di Bruxelles, la troverete racchiusa nel Quartiere Europeo. Qui hanno sede gli edifici amministrative dell’UE, fiancheggiati da splendidi palazzi Art Nouveau, da monumenti come l’Arco di Trionfo e da parchi rigogliosi come il Parco del Cinquantenario e il Parco Leopoldo.

La costruzione più celebra resta comunque il Berlaymont, sede della Commissione Europea dalla caratteristica architettura a stella. Al suo fianco troverete anche il Parlamento Europeo e l’opera monumentale della Statua dell’Europa.

Atomium

Spostandosi fuori dal centro in metropolitana o con gli autobus urbani, potrete raggiungere il Parco Heysel, nel quale sorge una costruzione unica nel suo genere. È l’Atomium, monumento realizzato per l’Esposizione universale del 1958 e donato alla città dai suoi costruttori.

Alto 102 metri e con sfere di 18 metri di diametro l’una, l’Atomium rappresenta i 9 atomi che compongono la cella unitaria in un cristallo di ferro. Potrete godere di un panorama mozzafiato dall’interno e dalla cima di questo monumento, salendo su scenografiche scale mobili e magari addirittura pranzando o cenando nello spettacolare ristorante situato all’interno della sfera finale.

Cosa mangiare a Bruxelles e cosa bere

La gastronomia di Bruxelles ha influenze che provengono da diverse parti d’Europa, ma alcuni piatti sono legati più strettamente di altri alla città.

Fra i cibi assolutamente da provare ci sono le Moules frites, ovvero le cozze abbinate alle patatine fritte. Troverete questo piatto appetitoso in ogni dove, dai pub alle brasserie, fino alle declinazioni più eleganti nei ristoranti di lusso. Mangiate le Moules frites come aperitivo da condividere o come abbondante piatto principale, e magari provatene le diverse versioni, da quella con le cozze ripiene alla tipologia con mitili marinati nella crema di birra.

La birra artigianale è il nuovo segreto di bellezza

A proposito di birre, quelle belghe sono a dir poco leggendarie. Le birrerie a Bruxelles sono ovunque, quasi tutte con menù sterminati (quello del pub Delirium si dice sia il più lungo al mondo). Da provare assolutamente la bière blanche, la birra bianca tipica della regione, meglio se all’interno di uno dei tanti birrifici artigianali che si trovano in città.

Chi poi avesse una propensione per il dolce, a Bruxelles troverà il suo paradiso. Il cioccolato di Bruxelles è famoso quanto la sua birra, da degustare sotto forma di deliziosi cioccolatini artigianali oppure come fave di cacao da sciogliere in una tazza di latte caldo.

Il quartiere du Sablon vi accoglierà con le botteghe dei migliori maestri cioccolatai, mentre in tutta la città troverete boulangeries e biscottifici dove fare incetta di biscotti al burro o speziati come gli speculoos, ma anche di cialde appena scaldate sulla piastra come le gaufres (conosciute anche come waffel), che diventano una vera goduria per il palato se inondate di panna, marmellata o cioccolata.


Fonte foto: lexi lauwers da Pexels

Commenti

comments