I Soprano: i luoghi dove è stata girata la serie TV

“La più grande opera della cultura pop americana dell'ultimo quarto di secolo”. È così che il New York Times ha definito I Soprano.

soprano luoghi serie tv

Ed infatti l’impatto che questa serie targata HBO ha avuto sulla modalità di intendere gli show televisivi è stato epocale. Non più storie approssimative, personaggi raffazzonati o superficiali e piccoli budget: con I Soprano il cinema è confluito nella tv e viceversa, dando vita ad un racconto epico senza precedenti.

86 episodi e 6 stagioni in cui è stata scritta la storia della famiglia mafiosa dei Soprano e del suo boss, Tony Soprano, interpretato magistralmente da un mai dimenticato James Gandolfini. Tony si erge ad emblema del personaggio televisivo a tutto tondo, ricco di contraddizioni e per questo puramente umano, ma al contempo ammaliante da guardare sul piccolo schermo.

5 serie tv da vedere almeno una volta nella vita

Accanto ed intorno a Tony si snodano le vicende della famiglia e della cosca della quale è a capo, dando vita a ad un racconto dove cliché ficcanti sugli italoamericani, omaggi ai gangster movie classici e personaggi intramontabili si susseguono senza tregua.

Lo sfondo – o meglio, il regno – delle vicende dei Soprano è il New Jersey, lo “Stato Giardino” con la sua aurea da eterna periferia, perfetto (o almeno così pare dal telefilm) per mantenere in vita traffici illeciti senza per forza stare sotto le luci della ribalta di New York.

Per chi ha amato visceralmente questa serie cult e per chi ancora dovesse recuperarla (lo potete fare in streaming su Now TV), immergetevi con noi nelle atmosfere fatte di lotte, intrighi e tradimenti che si respirano nelle location de I Soprano.

I luoghi dove sono stati girati gli episodi de I Soprano

New Jersey

A separare lo stato del New Jersey da quello di New York c’è solo la sponda di un fiume, l’Hudson, ma questi due luoghi non potrebbero essere più diversi tra loro. Scordatevi dunque la sfavillante Manhattan e la hipster Brooklyn: il New Jersey è ben più rilassato, con i suoi ritmi che possono addirittura apparire sonnacchiosi, fra concessionarie d’auto e fast food a iosa.

La forza turistica del New Jersey è data dalle sue riserve naturali, come l’ecosistema delle Pinelands o le ampie colline delle Skylands. Completamente diversa invece la situazione delle attrattive cittadine: la parte a sud ospita infatti il rinomato centro di Atlantic City, famoso per i suoi casinò (molti la paragonano ad una copia in piccolo di Las Vegas) e per il suo turismo da spiaggia.

Ad unire queste due anime, naturale ed urbana, ci pensano gli altri territori del New Jersey: distese verdi inframezzate da agglomerati sub-cittadini dove spesso la quieta vita di provincia fa da schermo a situazioni losche e drammatiche. Proprio come quelle della famiglia di Tony Soprano.

 Lincoln Tunnel

Presente in maniera preponderante nella sequenza dei titoli di testa de I Soprano, il Lincoln Tunnel è il collegamento diretto fra Midtown Manhattan e il New Jersey. I suoi 2.4 chilometri passano sotto il fiume Hudson ed accolgono circa 120mila veicoli al giorno, facendo del Lincoln uno dei tunnel più trafficati al mondo.

Percorrendo il Tunnel in direzione New Jersey sì sbucherà nella cittadina di Weehawken, dove verremo accolti da due vedute che ogni fan de I Soprano riconoscerà subito. Sono il Newark Port, il porto per navi container che fa da paravento alla famiglia Gambino, e la General Pulaski Skyway, il cui profilo da strada sospesa ad alto scorrimento è ben visibile in molte sequenza del telefilm.

Newark

Il quartier generale nonché cuore del regno di Tony Soprano. Newark rappresenta un punto strategico anche nella realtà, vista la sua vicinanza a snodi di trasporto fondamentali come il Newark Liberty Airport e la metropolitana transregionale Port-Authority Trans-Hudson.

Da qui si dipanano non solo i mezzi di trasporto, gli intrighi e le tattiche di Tony, dei Lupertazzi e dei loro fidati, meglio se seduti comodamente di fronte ad un piatto di pasta o ad una pizza per rimarcare le orgogliose origini italiane. Ecco dunque spuntare un’altra location iconica della serie tv: il Nuovo Vesuvio, il locale italiano spesso sede di sotterfugi e decisioni drastiche. Nella realtà questo ristorante si chiama Manolo’s Restaurant e la sua cucina ha influenze più spagnole e mediterranee che italiane, con incursioni anche nella ristorazione cilena.

Bada Bing

Spostandosi a nord di Newark, ma pur sempre rimanendo nel cuore del New Jersey, si arriva ad una location tanto desolata all’apparenza quanto iconica per chi ha seguito I Soprano. Si tratta del Bada Bing, lo strip club gestito dal boss Tony dove spesso questi si incontra con nemici e alleati.

Forse vi sorprenderà scoprire che il locale esiste davvero e proprio come strip club: si chiama Satin Dolls e l’unica cosa che troverete di diverso all’interno rispetto al telefilm sono gli alcolici, che nel New Jersey non possono essere venduti durante spettacoli di nudo.

Holsten’s Parlor

Rimaniamo nell’ambito culinario per toccare un’altra tappa che i fan di lunga data de I Soprano non possono non guardare con un po’ di commozione: l’Holsten Parlor, la gelateria e diner dove si svolge l’ultima, indimenticabile scena della serie. Anche se Tony raccomanderebbe caldamente gli anelli di cipolla fritti, noi ci permettiamo di aggiungere ai consigli del boss quelli sul dessert. L’Holsten è infatti famoso per le sue dolcezze stravaganti, dai sundae al gusto banana split a dei mix originali di gelato e soda.

Satriale

Chiudiamo questa carrellata di location di I Soprano con una chicca per i più nostalgici che forse lascerà un po’ di amaro in bocca. Parliamo di Satriale, la macelleria usata da tempo immemore usata dai Soprano e dai Gualtieri come quartier generale dei loro traffici. Situato a Kearny, vicino alla sponda dell’Hudson, il negozio che ospitava Satriale è stato demolito, e al suo posto è sorto un complesso residenziale che ha preso il nome di “condominio Soprano”. Uno smacco sul quale, non ne dubitiamo, Tony Soprano saprebbe ricamare un bel sogno allegorico per poi tramare una vendetta a sangue freddo.

Fonte foto: Photo by Armando Lazo from Pexels
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp