Suicidi famosi: 3 star fragili che ci hanno lasciato

Il mondo dello spettacolo non è tutto rose e fiori o bella vita e tanti soldi, come si può pensare vedendo le grandi star dietro il monitor di una TV.

suicidi famosi

Le star sono delle normalissime persone come noi, con una vita privata e con le loro debolezze, spesso la propria forza fisica e mentale è messa a dura prova dagli impegni che richiede essere una star, oltre a quelli familiari e non tutti riescono a farvi fronte serenamente.

Alcuni si ritirano in buon ordine senza troppo clamore, altri più fragili si sono suicidati e resteranno nella storia per le loro grandi opere artistiche, ma forse molto di più per questo atto estremo giudicato da alcuni: coraggioso da altri vigliaccheria. Nessuno di noi può sapere cosa spinge davvero una persona al suicido, ma sicuramente alla base vi è un forte malessere interiore e una difficoltà ad affrontare la vita non indifferente.

GUARDA ANCHE: Chester Bennington: morto il cantante dei Linkin Park

Le 3 star fragili che si sono suicidate

Marylin Monroe

Questo suicidio è senz’altro il primo della lista fra quelli che hanno sconvolto il mondo delle star. Una donna di straordinaria bellezza, bionda dal carattere apparentemente forte, fu trovata morta nella sua camera da letto a Los Angeles a soli 36 anni. L’autopsia sul corpo di Marylin Monroe disse che fu suicido da overdose di barbiturici. Negli anni si parlò anche di complotto per mano della famiglia Kennedy, ma niente di ufficiale smentì mai il suicidio della donna.

suicidi famosi

Kurt Cobain

Cantante o meglio un rocker che si suicidò l’8 aprile del 1994, a soli 27 anni, tramite un colpo di arma da fuoco, lasciando scritto ad amici e parenti “Io sono troppo un bambino incostante, lunatico! E non ho più nessuna emozione, e ricordate, è meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente”. Dietro queste parole trasparì la sofferenza di un giovane uomo che non riusciva a provare emozioni tali da vedere la vita degna di essere vissuta.

Robin Williams

Un attore di grande successo ricordato in particolare per il film “L’attimo fuggente” e “Hook, capitano Uncino”. Soffriva di una forte depressione acuta da moltissimi anni. Non ha retto più e si è suicidato impiccandosi con una cintura in casa sua l’11 Agosto del 2014 a 63 anni. La sua morte ha sconvolto il mondo del cinema e dei suoi fans. Nelle sue interpretazioni non aveva mai lasciato trasparire la sua forte sofferenza interiore.

Fonte foto: Pexels

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp