Ink. Indossare l’arte è possibile

Quando creatività, arte e moda si incontrano nascono spesso progetti innovativi, pronti a calcare la scena del fashion nazionale e non. Un esempio su tutti è Ink. che racchiude al suo interno il mondo del fashion e quello dell'arte, senza dimenticare artigianalità e made in Italy.

La ricerca dei tessuti e l’idea di voler creare pezzi unici per limited edition sono solo la punta dell’iceberg, perchè alla creatività non c’è mai limite e  su cosa può puntare un fashion brand (e contemporaneamente creative lab) se non alla continua ricerca di arte pura?

Stanislav Virin
Stanislav Virin

Ink. realizza capsule collection interamente handmade in Italy e ogni idea ha origine con un progetto da creare su misura perché l’accessorio è sì un di più, ma è quel di più che fa sempre la differenza, soprattutto se innovativo e realizzato ad hoc.

GUARDA ANCHE: Le sfaccettature della Donna nell’Arte

Il 2019 di Ink. punta sulla Townie Collection composta da zaini e pochette lavorati in cotone/eco-pelle a cui si aggiungono dettagli in metallo.

Francesco Caporale
Francesco Caporale

Non importa dunque che il vostro stile sia più glamour o più casual, più rock o più pop, perché gli accessori Ink. si prestano per essere abbinati ad ogni looke perché no, in ogni occasione.

“Ink. è nato da un’idea semplice, raccontare le nostre passioni e fonderle in un progetto “palpabile”: creare capi e accessori di alta qualità e ben progettati che noi per primi volevamo indossare” queste le parole di Vito e Angela Trecarichi, fratelli e anima di Ink, ma non solo, perché la loro passione e la loro professionalità toccano anche grafica, fotografia, cinema, insomma… il mondo dell’arte a 360 gradi.

Paolo Castoldi
Paolo Castoldi

Fonte foto: Stefano Manclossi / Ink.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp