Film al cinema da non perdere: Carol, La Grande Scommessa e Macbeth

Dall’amore non convenzionale di Carol alla losca Grande Scommessa, dall’avido Macbeth all’Assolo di Laura Morante: il cinema riparte alla grande

Cate Blanchett Carol

Continuano i fuochi d’artificio al cinema. Se l’arrivo del nuovo anno è coinciso con l’uscita di Quo Vado?, il nuovo film da record di Checco Zalone, oltre che alle poetiche pellicole Il Piccolo Principe di Mark Osborne e Little Sister di Kore-Eda Hirokazu, le uscite di questa settimana non sono per niente da meno.

Così, mentre il “nostro” Zalone si appresta a sfondare i 40 milioni di euro d’incasso in soli sette giorni, protagonista assoluto sarà il cinema americano e le sue stelle: da Cate Blanchett a Michael Fassbender, da Brad Pitt a Christian Bale. Grandi nomi e grandi titoli, ma andiamo con ordine.

E visto che i film USA protagonisti sono tre, ci permettiamo di cogliere la palla al balzo e allestire un simbolico e personalissimo podio.

Al gradino più in quota posizioniamo Carol, la storia – tratta dal romanzo di Patricia Highsmith – di un amore passionale e incontenibile nell’America perbenista degli anni Cinquanta che vede coinvolte due donne interpretate da due splendide attrici: Cate Blanchett (senza bisogno di presentazioni e sempre eccezionale) e Rooney Mara la cui interpretazione, talmente superba e intensa, è stata premiata con il titolo di Miglior Attrice all’ultimo Festival di Cannes.

Apparenza o sincerità? Conviene davvero reprimere i propri sentimenti per far parte dell’alta società? Quello tra Carol e Therese è semplicemente amore vero.

Spazio poi a La Grande Scommessa di Adam McKay (titolo originale The Big Short), un viaggio nel mondo delle losche operazioni finanziarie di Wall Street. Un racconto ammonitore, dominato da umorismo nero e personaggi bizzarri interpretati da un poker d’assi: Christian Bale, Steve Carell, Brad Pitt e Ryan Gosling.

Film realistico e ironico, con lo spettatore che rimarrà un po’ spiazzato e interdetto: il linguaggio usato è criptico, infarcito di tecnicismi incomprensibili. Ma non disperate: quando la situazione diventa troppo noiosa o incomprensibile delle guest star (tra cui la pop star Selena Gomez e lo chef Anthony Bourdain) entreranno in gioco per spiegarvi i concetti chiave.

A chiudere il trittico è infine il Macbeth di Justin Kurzel, dall’opera intramontabile e sempre attuale di William Shakespeare. Nella parte dell’avido protagonista, un Michael Fassbender dalle mille sfumature mentre una sensuale Marion Cottillard veste i panni della sua Lady. Fedeltà totale al testo originale con una rigorosa ed impeccabile messinscena. Un po’ arida di nuove interpretazioni e spunti, la versione di Kurzel sembra essere inferiore alle precedenti versioni cinematografiche di Orson Welles e Roman Polanski.

Ma, senza alcuna sfumatura di patriottismo, il nostro applauso più grande e affettuoso va a Laura Morante con Assolo, la sua seconda regia. Una commedia drammatica su una donna meravigliosamente imperfetta che arriva al giro di boa dei cinquant’anni. La Morante è anche protagonista del suo film e in Flavia, il suo personaggio, molte donne potranno ritrovare un po’ di se stesse.

I film di cui vi abbiamo parlato meritano il costo del biglietto e rendono ancora scoppiettante questa prima settimana dell’anno.

Ma i botti non sono finiti: lunedì 11 gennaio la Cineteca di Bologna riporta nelle sale, in versione restaurata, Il Grande Dittatore di Charlie Chaplin. Per tutti gli amanti del cinema, un appuntamento imperdibile.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp