Nell’underwear il prezzo non è tutto: lo rivela uno studio di Imec e Lycra

Quali sono i desideri delle consumatrici italiane in fatto di abbigliamento intimo? In tempo di crisi, secondo Imec e Lycra, le donne investono sul "sotto" puntando a funzione, comfort, praticità, moda, seduzione e chi più ne ha più ne metta!

Parigi – Il Salon International de la Lingerie ha condotto una ricerca in tutta la penisola su un campione di 1382 donne di età compresa tra i 18 e i 64 anni. Imec e Lycra hanno così cominciato ad indagare sui desideri delle donne riguardo l’abbigliamento intimo. Il responso è stato assolutamente inequivocabile: a noi donne piace il comfort, la seduzione, la praticità e la valorizzazione della silhouette sotto il vestito.

Siamo infatti disposte a spendere di più, anche in tempo di crisi, per un bel completino intimo che incarni tutte le caratteristiche elencate, purché il capo non stringa, non si sgualcisca al primo lavaggio e che sia effettivamente invisibile sotto i vestiti. Infatti, più che denaro, le consumatrici sembrano voler risparmiare tempo concentrandosi sull’acquisto di quei capi cosiddetti “easy”, lavabili in lavatrice e da non stirare.

Pollice insù anche per gli articoli contenitivi che risultano efficaci ed esteticamente gradevoli, vengono così personalizzate le “parti basse” tanto quanto le “parti alte”. E.M.

NEWS MODA SULLA TUA MAIL

imec lingerie

Commenti

comments