A girocollo, con pendaglio, a catena… le tipologie di collane sono davvero molte e tutte hanno il loro fascino e il loro stile.

Il mondo dei gioielli di lusso è davvero vasto e ad oggi per alcune aziende proporre qualcosa di innovativo ma al contempo elegante è diventata una vera e propria filosofia.

Come nel caso di Officina Bernardi, che ha dato vita all’Hyper Jewelry: un gioiello che esprime la sua bellezza attraverso la forma della luce, in grado di spingere l’oro 18kt oltre il limite.

Attraverso un rapporto simbiotico uomo-macchina, Officina Bernardi unisce ricerca e sviluppo e con l’uso di tecnologie all’avanguardia sono in grado di dare vita a un nuovo concetto di bellezza.

Ma non tutti i tipi di collana, per quanto eleganti e luminosi, sono abbinabili ad ogni tipo di outfit.

Se decidiamo di volerci concedere un gioiello con il chiaro obiettivo di esaltare appieno le nostre qualità, e non rischiare invece di affossarle, allora è bene prestare attenzione a qualche piccolo accorgimento.

Equilibrio tra gioielli

La prima accortezza fondamentale a cui dobbiamo prestare attenzione è l’equilibrio tra i diversi tipi di gioielli che abbiamo indosso, in particolare gli orecchini in abbinamento a una collana.

Se indossiamo una collana particolarmente ricca di dettagli, magari con un grosso pendaglio, è sempre meglio puntare su orecchini sottili e delicati.

Viceversa, se indossiamo orecchini molto grossi e che catturano di più l’attenzione, puntiamo a una collana basic, girocollo o a catena lunga, ma senza pendagli particolari.

Il rapporto tra i due tipi di gioielli è alla fine abbastanza semplice: l’uno deve essere l’opposto dell’altro, per fare in modo che l’attenzione cada su uno alla volta.

Abbinare il gioiello al proprio fisico

Anche il nostro corpo merita un’attenzione in più, quando si tratta di scegliere il gioiello giusto per noi.

Non tutte le collane, infatti, si abbinano bene a tutti i fisici.

Le collane lunghe, ad esempio, tendono a slanciare molto, mentre il girocollo, al contrario, accorcia il collo e tende a farlo sembrare un po’ più largo.

Inoltre, anche la sua grandezza deve essere valutata in base al proprio corpo.

Una catenina sottile sarà difficilmente visibile su un corpo robusto, al contrario una collana estremamente grossa su un fisico molto minuto risalterà spropositatamente, risultando addirittura pacchiano.

Collana e la scollatura

È il punto focale dell’abbinamento collana-outfit.

Possiamo dire che la collana ha proprio la funzione di disegnare meglio la nostra scollatura, cercando il perfetto equilibrio tra questi elementi.

Qualche suggerimento?

  • Scollatura a V: opta per modelli sottili. Se la scollatura è profonda prediligi collane che seguono questa profondità.
  • Scollatura rotonda: scegli modelli corti, come collier, girocolli o choker.
  • Dolcevita o maglione a collo alto: perfette sono le collane a catena lunga, così da slanciare il collo reso un po’ più tozzo dal maglione.
  • Scollature a cuore, a fascia o barchetta: prediligi collane importanti, che arricchiscano la scollatura, magari con qualche pendaglio dettagliato o collane a più fili.
  • Abito o camicia con colletto: suggerimento utile è quello di esaltarli sempre con qualche pendaglio particolare o delle perline.

Occhio ai colori

Ultima accortezza è quella di dare uno sguardo anche ai colori e alle fantasie.

Un outfit elaborato, una maglia a fantasia, potrebbe nascondere eccessivamente la vostra collana sottile o essere reso più pacchiano se la collana non è perfettamente abbinata.

Il suggerimento è quello di scegliere il colore del gioiello riprendendo quello principale dell’outfit.

Per l’oro e l’argento ricordate che il primo sta bene sui toni un po’ più scuri e caldi, mentre il secondo con i sottotoni più chiari e freddi, anche in relazione alla carnagione.

Una carnagione abbronzata o dei capelli più scuri saranno esaltati da un gioiello dorato, mentre l’argento potrà dare luminosità ad una pelle diafana.