L’estate è ormai entrata nel vivo, con il susseguirsi di tante giorni caratterizzati da temperature molto alte; il caldo estivo ha un impatto non trascurabile sulla forma fisica e alcune funzioni dell’organismo, tant’è che è opportuno modificare la propria dieta e, se necessario, ricorrere agli integratori alimentari per contrastare la spossatezza e altri disagi provocati dal caldo.

Gli effetti del caldo sull’organismo

Durante il periodo estivo, in special modo quando le temperature sono particolarmente alte, il corpo umano mette in atto una serie di strategie e meccanismi di termoregolazione. In particolare, la sudorazione e la dilatazione dei vasi sanguigni servono ad abbassare la temperatura corporea; al contempo, determinano una maggiore perdita di liquidi e sali minerali che, se non vengono debitamente reintegrati, possono provocare disturbi quali disidratazione, calo della pressione arteriosa, spossatezza, debolezza, stanchezza e una minore reattività fisica e mentale. Per evitare, o limitare, gli effetti collaterali più significativi del caldo intenso, è bene integrare adeguatamente i sali minerali e alcune vitamine, sia attraverso l’alimentazione – incrementando il consumo di frutta e verdura – sia utilizzando specifici integratori minerali.

Gli integratori da assumere in estate

Gli integratori alimentari sono molto diffusi in commercio, tant’è che possono essere acquistati tanto in farmacia quanto in altri punti vendita al dettaglio. In aggiunta, sono facilmente reperibili tramite e-commerce specializzati oppure farmacie online quali anticafarmaciaorlandi.it, il cui catalogo include una vasta gamma di prodotti Supradyn con prezzi ed altre tipologie di integratori alimentari.

Ma quali sono i prodotti più adatti a contrastare le ripercussioni del forte caldo sull’organismo; il mercato offre ampia varietà di scelta ma è bene concentrarsi su quelli che contengono il macronutriente di cui si ha bisogno (vitamine o sali minerali). I più importanti, per preservare le funzionalità dell’organismo, sono: il magnesio, il potassio e le Vitamine del gruppo B.

L’importanza del magnesio

Il magnesio ricopre un ruolo fondamentale in quanto è coinvolto in molte reazioni che avvengono a livello cellulare; essendo un cofattore di numerosi enzimi, partecipa alla sintesi delle proteine e influisce sul funzionamento dell’apparato muscolare e del sistema nervoso. Inoltre, il magnesio serve all’organismo per attuare i processi di produzione dell’energia.

L’ipomagnesemia (ossia livelli di magnesio nel sangue troppo bassi) può essere provocata, tra gli altri, anche da una sudorazione eccessiva o prolungata e si manifesta tramite crampi, debolezza muscolare, apatia e, nei casi più gravi, con tremori e convulsioni.

Perché integrare il potassio

Molti degli integratori alimentari presenti in commercio combinano magnesio e potassio; anche la carenza di quest’ultimo, infatti, può essere causa di debolezza muscolare nonché determinare alterazioni dell’umore e del ritmo cardiaco.

Il potassio, infatti, è una molecola di vitale importanza per alcune funzioni, quali la contrazione muscolare – inclusa quella del cuore – e la regolazione dei livelli di fluidi presenti all’interno dell’organismo. Inoltre contrasta gli effetti del sodio, in maniera tale da regolarizzare la pressione sanguigna, e riduce il rischio di calcoli renali; infine, riduce le possibilità di perdita di tessuto osseo che può verificarsi con l’avanzare dell’età.

Il ruolo della Vitamina B

Le diverse vitamine incluse nel cosiddetto “Gruppo B” possono essere assimilate mediante l’alimentazione, dal momento che l’organismo non è in grado di sintetizzarle autonomamente. Questo tipo di macroelemento è indispensabile per il fabbisogno energetico del nostro corpo, nonché per l’azione protettiva che esercita sui capelli, i denti e il tessuto cutaneo. Nello specifico, sono la Vitamina B1 e la Vitamina B2 ad essere coinvolti nei processi di produzione dell’energia; di conseguenza, nei soggetti carenti di queste due vitamine, possono insorgere problemi quali anemia, tachicardia e un generale senso di debolezza. La Vitamina B3, invece, fa bene alla circolazione del sangue ed al funzionamento del sistema nervoso; un’integrazione di questo elemento è consigliata soprattutto per le persone anziane e gli sportivi.