Per essere sani e belli, i tuoi capelli devono seguire una sola parola d’ordine: equilibrio. Ottenere una capigliatura morbida e setosa e, soprattutto, mantenerla tale in qualsiasi situazione, è il desiderio di tutti. Purtroppo, sia le tue condizioni fisiche che l’ambiente che ti circonda influenzano lo stato dei tuoi capelli. Ecco tutti i suggerimenti più efficaci per curare i capelli: dallo shampoo per capelli grassi ai consigli sui trattamenti da eseguire, fino alla dieta da seguire.

I capelli grassi: caratteristiche e costituzione 

L’aspetto dei capelli grassi è caratterizzato dalla spiacevole sensazione di unto al tatto, dalla pesantezza e, in qualche caso, anche dall’odore sgradevole. Tutto ciò è causato da una sostanza secreta dal nostro organismo, il sebo. Esso è formato da acidi grassi, gliceridi ed esteri della cera e fuoriesce dalle ghiandole sebacee. Si mescola, poi, con i detriti delle cellule morte e con il sudore. La sua produzione è del tutto naturale e ha lo scopo di lubrificare il capello e di fornire un’adeguata protezione nei confronti degli agenti esterni più aggressivi, come il sole, il freddo e lo smog. Tuttavia, quando tale produzione diventa eccessiva o il sebo si fluidifica troppo, questa sostanza arriva a ricoprire totalmente il capello, rendendolo così unto e appiccicoso e dando luogo a tutti i problemi successivi, come l’indebolimento e la caduta.

Scegliere lo shampoo giusto

Se i tuoi capelli appartengono a questa tipologia, sai bene che il trattamento più semplice e immediato per migliorare l’aspetto della capigliatura è il lavaggio frequente. Bisogna, comunque, prendere delle precauzioni per evitare di rimuovere troppo sebo dai capelli. Usando shampoo troppo aggressivi, potresti infatti eliminare anche il suo effetto protettivo. La scelta dello shampoo per capelli grassi richiede alcune valutazioni importanti. L’azione sebo-equilibrante deve essere efficace, ma delicata. Spesso la scelta dei prodotti di pulizia e cosmesi non viene effettuata con la dovuta attenzione e siamo attirati da offerte speciali e proclami pubblicitari. È invece buona norma affidarsi ai consigli di esperti professionisti, ricordando che, anche se uno shampoo non è un farmaco, otterrai risultati migliori seguendo i suggerimenti di chi ben conosce le cause del problema e le sostanze in grado di risolverlo.

Quali sono i comportamenti da evitare

Capita sovente che alcune opinioni personali, sebbene non siano suffragate da alcuna certezza, diventino, non si sa come, regole di comportamento generale. Nel caso dei trattamenti per i capelli grassi esistono dei comportamenti suggeriti ma assolutamente da evitare per non peggiorare il problema.

Temperatura del phon o di qualsiasi strumento di asciugatura dei capelli

È essenziale usare temperature basse per evitare che il sebo diventi troppo fluido, aumentando la copertura del capello.

Frequenza dei lavaggi

Non è vero che, lavando troppo spesso i capelli, si incrementi la produzione di sebo. Al contrario, i lavaggi frequenti contribuiscono a liberare i capelli. L’importante è affidarsi a farmacisti in grado di consigliarti il prodotto giusto e scegliere uno shampoo di buona qualità.

Massaggi al cuoio capelluto

Per rispondere a chi ti consiglia ripetuti massaggi alla cute, magari allo scopo di beneficiare di una circolazione sanguigna più efficiente, puoi dire che, con i massaggi, l’effetto sarà quello di stimolare le ghiandole sebacee a una maggior produzione di sebo.

La dieta alimentare

Il benessere e la bellezza dei capelli passano per l’alimentazione. Il filosofo Ludwig Andreas Feuerbach ha detto “Siamo ciò che mangiamo”: anche i tuoi capelli risentono della tua dieta. Per risolvere il problema dei capelli grassi, il regime alimentare deve essere ricco di zinco, di acido folico e di vitamine del gruppo B, soprattutto B6. Una dieta ricca di legumi, cereali integrali, asparagi, carciofi, cavolfiori e una corretta idratazione sono le basi per riequilibrare il proprio organismo e liberare i capelli dal peso del sebo in eccesso.

Come scegliere il miglior shampoo per capelli grassi

Ancora una volta la parola d’ordine deve essere equilibrio. Lo shampoo deve normalizzare la produzione di sebo e lo deve fare in modo delicato. Il primo indice numerico che può aiutare nella valutazione è il pH. Questa grandezza chimica, che assume valori tra 1 e 14, misura l’acidità di una certa sostanza. Ad esempio, uno shampoo neutro ha ph 7. Ma molti altri sono i fattori da considerare come la presenza di principi attivi e l’assenza di sostanze che potrebbero indurre fenomeni allergici e di schiumogeni.
Il suggerimento è di orientarsi verso prodotti naturali e di buona qualità: la vendita in farmacia garantisce un’offerta professionale e sicura.