Scheda grafica: come scegliere la scheda video del tuo pc

Scheda grafica cos’è e a cosa serve

La scheda grafica, nota anche come scheda video, ha lo scopo principale di permettere la visualizzazione delle immagini sul monitor del nostro computer. Si tratta di un componente hardware presente nella maggior parte dei dispositivi, anche se la sua presenza non è sempre data per scontata. Quando la scheda grafica non è presente all’interno del pc, ciò è dovuto al fatto che la stessa può essere direttamente integrata sulla scheda madre oppure trovarsi all’interno della CPU (Central Processing Unit, ossia l’unità centrale di elaborazione del pc).

scheda grafica pc scheda video

Decluttering per pc

Originariamente nata per trasformare i dati binari della CPU in immagini da trasmettere sul monitor, oggi la scheda video si è notevolmente evoluta, così come avvenuto per tutti i componenti del reparto informatico. Ed è per questo motivo che attualmente è possibile trovare sul mercato schede grafiche dotate del processore GPU (ossia Graphical Processing Unit), in grado di supportare immagini 2D e 3D. Chi ha particolari necessità, potrebbe possedere addirittura più di una scheda video all’interno del proprio computer.

Una curiosità che potrebbe sfuggire a chi è poco esperto, riguarda il fatto che la scheda grafica dotata di GPU possiede anche un dissipatore e una ventola di raffreddamento. A cosa serve tutto ciò? Ad una funzione molto importante: la scheda video elabora velocemente tantissime informazioni e questo provoca surriscaldamento. La ventola e il dissipatore le consentono di performare al meglio e di mantenere sempre una certa temperatura. Al momento attuale, tra i maggiori produttori mondiali di schede grafiche, ci sono NVIDIA, Intel e AMD.

Come funziona la scheda video

Cercando di semplificare al massimo il discorso, cerchiamo di capire brevemente come funziona una scheda grafica. La premessa da fare è che non tutte le tipologie di schede video funzionano allo stesso modo. Per questo motivo, in genere, si tracciano quattro diverse modalità di funzionamento: modalità testo, modalità grafica, modalità 2D accelerata e infine modalità 3D accelerata.

La modalità testo – nota anche come modalità a caratteri – è quella che una scheda grafica possiede certamente. In base alla sua logica, consente allo schermo del pc di organizzarsi in una sorta di griglia di caselle rettangolari, all’interno delle quali verrà scritto un carattere.

La seconda modalità, quella grafica, è presente in quasi tutte le schede video prodotte. Essa si occupa di specificare singolarmente il colore di ciascun pixel, che in genere avviene attraverso una corrispondenza di tipo bitmap.

Infine, le modalità 2D e 3D accelerate. La modalità 2D accelerata permette di svolgere il lavoro di disegno e lo spostamento da una parte all’altra dell’immagine in blocchi di pixel. In mancanza di essa, tale funzione verrebbe svolta dal processore. La modalità 3D accelerata, oltre ad avere le medesime capacità bidimensionali della 2D accelerata, prevede la possibilità che i pixel dell’immagine vengano calcolati dalla GPU, che lo fa lavorando su ciascun fotogramma.

Scheda video: come sceglierla in base alle proprie necessità

Se abbiamo bisogno di acquistare una scheda grafica per il nostro computer, prima di avventurarci nell’acquisto dovremmo valutare alcuni fattori. Come abbiamo ben capito, infatti, le schede grafiche possono variare in base alle nostre necessità, ossia in base all’uso che facciamo del nostro pc. Quali sono dunque i parametri che dovremmo prendere in considerazione per l’acquisto di una scheda video? Scopriamo i principali.

Uno dei primi aspetti da valutare riguarda la scelta della scheda grafica in base alla risoluzione del monitor del computer. Gli appassionati di videogames, in particolare, potrebbero essere interessati a sfruttare la risoluzione 4K e in questo caso dovrebbero puntare a schede video superiori a 1080p a 30/60 FPS. Chi invece punta a risoluzioni base, può tranquillamente valutare l’acquisto di queste schede grafiche.

Se vogliamo installare una scheda video, dobbiamo prima sincerarci del fatto che il nostro computer abbia spazio sufficiente per poterlo fare e che l’alimentatore di cui disponiamo sia in grado di fornirle l’energia necessaria. Montare, ad esempio, una scheda video che richiede un alimentatore di almeno 400 watt su un computer che dispone di un alimentatore da 300, potrebbe infatti causare gravi problemi al device, fino a provocarne il blocco. Un tecnico potrà certamente guidarci a compiere la scelta giusta, in questo caso.

Un altro aspetto da non sottovalutare è la memoria video della scheda grafica. Tale informazione, comunque, va valutata in concomitanza con le altre caratteristiche della scheda video, in quanto averne una con una capacità maggiore non implica che la stessa sia la migliore in assoluto. Attualmente, sul mercato, la quantità di memoria video può arrivare a superare anche i 16 GB.

E se la quantità di memoria di una scheda video può non essere un parametro influente sulla sua qualità, di certo lo è la velocità della GPU. Quest’ultima viene indicata in MHz o in GHz e assieme all’interfaccia e alla velocità della memoria video è in grado di determinare le prestazioni della scheda grafica.

Un altro aspetto tecnico da controllare (per i poco esperti ci si può far supportare), è quello della frequenza di aggiornamento del monitor. Frequenze elevate di aggiornamento necessitano di schede grafiche più potenti per essere sfruttate al meglio. Se la frequenza si attesta attorno a 60 Hz, invece, una scheda video non troppo pretenziosa – soprattutto dal punto di vista economico – potrebbe comunque fare al caso nostro.

Qualche altro parametro da tenere in considerazione? Tra questi possiamo di sicuro valutare l’interfaccia della memoria video, che in genere viene indicata con multipli del bit (256 bit, per citare un valore). Più tale valore sarà elevato, più le prestazioni della scheda video saranno performanti.

Tra i parametri a cui non dare troppa importanza per vedere aumentate le prestazioni grafiche del nostro computer compare invece l’overlock. Se abbiamo bisogno di prestazioni più alte, è alla potenza della scheda video che dobbiamo puntare.

Infine, qualche indicazione per coloro che amano i dettagli tecnici. Le schede grafiche più recenti sono tutte dotate di attacco PCI Express 4.0. Per quanto riguarda invece le uscite video, queste possono essere VGS, S-Video oppure DVI. Occhi anche al supporto degli ultimi standard video, che al momento sono OpenGL 4.6 e DirectX 12.


Fonte foto: XPS on Unsplash

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp