Michael Schumacher oggi è ancora il migliore: 20 frasi indimenticabili del pilota tedesco

Michael Schumacher oggi è considerato una leggenda anche se le sue condizioni e le ultime notizie non rassicurano i fans, sappiamo che la leggenda tedesca della Formula 1 non tipo da arrendersi.

michael schumacher oggi condizioni ultime notizie

Michael Schumacher oggi: condizioni del pilota tedesco leggenda della Formula 1

Erano le vacanza di Natale 2013 quando Michael Schumacher ha subito un grave incidente a bordo dei suoi sci, durante una discesa, probabilmente fuori pista, sui monti di Méribel in Savoia, in territorio francese.

Michael Schumacher, cadendo battè forte la testa contro una roccia e venne immediatamente trasportato in elicottero in stato semicomatoso all’ospedale di Grenoble per essere operato chirurgicamente per grave trauma cranico ed emorragia cerebrale.

Michael Schumacher si sveglierà solo 6 mesi più tardi e presso l’ospedale di Losanna cominciò il suo lungo percorso riabilitativo, a pochi passi dalla sua villa di Gland.

Oggi Michael Schumacher è a casa e la famiglia continua a mantenere il massimo riserbo sulle sue condizioni di salute, anche se qualche informazione è trapelata grazie soprattutto a Jean Todt.

Lewis Hamilton: Il pilota di Formula 1 è il nuovo volto di LG SIGNATURE

“Ho visto Michael la scorsa settimana e spero che presto lo vedrà anche il mondo” ha dichiarato Jean Todt, Team Manager della Ferrari ai tempi del pilota tedesco in rossa.

Questa dichiarazione del luglio 2020 fa eco a quella di novembre dello stesso anno: “Ho visto Michael la scorsa settimana, sta lottando. Mio Dio, sappiamo che ha avuto uno sfortunato e bruttissimo incidente sugli sci che gli ha causato un sacco di problemi, ma ha accanto una moglie fantastica, ha i suoi figli, le sue infermiere e possiamo solo augurare il meglio a lui e alla sua famiglia”.

Ha parlato anche il figlio Mick Schumacher, oggi 21enne pilota di Formula 1 e all’epoca dell’incidente poco più che 14enne.

Il pilota tedesco, figlio della leggenda Michael Schumacher, ha dichiarato, approposito delle condizioni del padre e dei continui paragoni sulla monoposto “Mio padre è stato il migliore che ci sia mai stato in questo sport, non vedo perché dovrei volermi staccare da lui”.

Ecco 20 frasi di Michael Schumacher: oggi rappresentano il carattere, la personalità e la leadership del leggendario pilota di Formula 1

  • “Schumacher antipatico? Beh, questa è una battuta fantastica che vogliamo ricordare con un sorriso…”
  • “Ho sempre creduto che non ci si debba mai arrendere e bisogna continuare a lottare anche quando c’è una piccola, piccolissima chance”
  • “Quello che è successo è talmente drammatico e triste che non provo alcuna soddisfazione per aver vinto” (dopoo l’incidente mortale di Ayrton Senna)
  • “L’automobilismo mi ha dato gioie enormi e ogni momento della carriera è stato fantastico”
  • “Essere un semplice pilota non è mai stata la mia ambizione. Non è il mio stile”
  • “Nello sport non potrà mai esistere un momento uguale ad un altro”
  • “Non sei un vero campione del mondo finché non vinci con la Ferrari”
  • “Ho fatto tutto quello che ho potuto per far diventare la Ferrari la numero uno. L’intera squadra e tutti i tifosi lo meritavano”
  • “Non sono una leggenda. Sono un tipo fortunato che era al posto giusto al momento giusto”
  • “Giocare a calcio mi rende più nervoso che guidare una Formula 1”
  • “Vinci una gara, ma la gara successiva è un punto interrogativo. Sei ancora il migliore o no? Questo è divertente, ma è anche interessante. E impegnativo. Devi affermarti ogni volta”
  • “Decidere di smettere è stato difficile anche per i miei amici della Ferrari, significa non lavorare più con loro ma questo giorno doveva arrivare”
  • “Una volta che qualcosa diventa una passione, la motivazione risiede lì”
  • “Fernando Alonso è il migliore. Sta superando se stesso. Ci sono dei momenti in cui tutto gira a tuo favore, ma lui si è conquistato questa posizione”.
  • “Orgoglioso di averlo conosciuto. Ogni volta mi colpivano la competenza e la curiosità che aveva per la Ferrari, per la Formula 1 e per il calcio e la sua sensibilità per i problemi del mondo“ (riferito a Gianni Agnelli)
  • “Anche se sono ancora in grado di competere con i migliori piloti, a un certo punto è giusto fermarsi e dire addio. Ho riflettuto molto, non ero sicuro di avere le giuste motivazioni e l’energia necessaria per correre ancora. Non è il mio stile andare avanti se non sono al 100%. Ora mi sento più sollevato”
  • “Quando inizi a lavorare con una squadra devi lasciare che il team vada avanti per conto suo. E alla fine devi tutto a loro”
  • “È stato un GP caotico, avevo un’auto pazzesca, una velocità con cui avrei potuto doppiare tutti” (al termine del GP del Brasile)
  • “In questi vent’anni ci sono pure degli errori. Ma il vestito che indosso, nel mio animo, è bianco. Ne sono felice”

Poi ci sono le frasi famose dette su Schumacher oggi considerato sempre più leggenda

  • “Ma non era meglio se Schumacher dava l’addio al calcio?” (Gene Gnocchi)
  • “Non ho ancora visto un altro Ayrton. Probabilmente Michael Schumacher è stato uno di quelli che si è avvicinato di più a lui. Ma Schumacher guidava con la testa, Senna con il cuore. Schumacher è stato uno dei piloti più completi, Senna era più naturale” (Martin Brundle)
  • “Il suo record non verrà oscurato certo, alla Ferrari è lui il punto di riferimento della squadra. Non sono sicuro che gli altri piloti siano abbastanza forti, convinti e impegnati per fare qualcosa del genere. Michael ha dato tantissimo per arrivare a ottenere simili risultati. Si dedica completamente a quello che fa e riesce a sopportare un’enorme pressione. Vince una gara e il giorno dopo è in pista per i test” (Bernie Ecclestone)
  • “Ero bambino. Nel Brasile dell’ultimo anno di Senna, c’era un giovane tedesco che rompeva le palle ad Ayrton… Quello che ha fatto Michael è più importante del tempo, davvero tanto, trascorso” (Felipe Massa)
  • “Michael sarà sempre nei cuori di chi lavora a Maranello. Con coraggio e passione ha ottenuto risultati difficilmente ripetibili: a lui i migliori auguri” (Luca Cordero di Montezemolo)
  • “Mi premiò per un successo nei kart e mi emozionai. Ma rammento soprattutto l’acqua che presi con papà per andare a vederlo a una chicane di Hockenheim: passò con una Benetton gialla e non si vedeva un tubo; andava piano, però fu un momento speciale” (Sebastian Vettel)

Sebastian Vettel attore per un giorno con Celina Jade

Curiosità su Michael Schumacher oggi

Ha un’app ufficiale che è stata lanciata per festeggiare i suoi 50 anni. L’app si chiama “Official Michael Schumacher App” ed è una sorta di museo digitale con tutto quello che c’è da sapere sulla leggenda della Formula 1.

La prima volta alla guida di una monoposto quando aveva solo 4 anni, su una mini-auto costruita dal padre Rolf, che gestiva un circuito a Kerpen.

Prende la patente a 12 anni per guidare i kart: a Lussemburgo è possibile prenderla già a 12 anni mentre in Germania avrebbe dovuto aspettare i 14 anni.

Vince il primo Gran Premio in Belgio nel 1992 alla guida della Benetton mentre la prima pole position la conquista due anni più tardi a Montecarlo.

Ha guidato le monoposto delle scuderie Jordan (1991), Benetton fino al 1995 e Ferrari per 10 anni (dal 1996 al 2006). Nel 2010 è tornato in Formula 1 alla guida della Mercedes dal 2010 al 2012.

Ha vinto 7 mondiali e trionfato in 91 Gran Premi conquistando 155 podi e ottenendo ben 1.566 punti con il record di giri veloci, ben 77.

Fonte foto: Marcel Heil on Unsplash

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp