Pineider stringe una partnership con l’Accademia di scrittura Molly Bloom

Tra i progetti della collaborazione anche lo sviluppo di un corso di narrativa.
Jhumpa Lahiri

Il nuovo anticonformismo?  Tra algoritmi e un sistema di valori dominato dallo spirito del tempo, sicuramente è quello di riscoprire il significato di passioni e strumenti non “tracciabili”.

Arriva così un’interessante partnership tra Pineider, che dal 1774 fornisce all’uomo proprio questi strumenti – carta, penna, pelle – e Molly Bloom, l’accademia di scrittura creativa fondata a Roma nel 2016 da Leonardo Colombati ed Emanuele Trevi, a cui la tradizione toscana si affida nell’immaginare un futuro fedele alla sua essenza per promuovere espressioni artistiche formative.

Pineider Via Manzoni, 12 Milano
Pineider Via Manzoni, 12 Milano

Due realtà oggi: quella digitale ormai decisamente conformista nella sua immediatezza, nella  sua impersonalità rafforzata anche dagli strumenti utilizzati fatti di monotoni standard.

Dall’altra invece una realtà più tradizionale, con quella bellezza data dalla cura dei dettagli, dalla scelta di mezzi e parole anche con le loro eventuali sbavature ed imperfezioni.

È bello infatti narrare una storia attraverso gli strumenti primari scelti dall’uomo per lasciare traccia di sé: ed è proprio questo il neonato progetto tra Pineider e Molly Bloom.

Così le due realtà – simili nella sostanza e nell’immaginario – svilupperanno insieme un corso di narrativa a Milano, che partirà Mercoledì 10 Marzo 2021 e terminerà Mercoledì 26 Maggio 2021 presso il nuovo flagship store aperto in Via Manzoni 12.

E in tutto questo, la ex sede storica della prima e più amata libreria Feltrinelli, farà da cornice ideale all’iniziativa che coinvolge alcuni dei migliori scrittori in circolazione: il premio Pulitzer Jhumpa Lahiri, i Premi Strega Alessandro Piperno e Sandro Veronesi, Camilla Baresani, Leonardo Colombati ed Emanuele Trevi.

John Hemingway: mio nonno Ernest, Milano, i miei progetti…

“Da secoli Pineider continua il suo percorso di accompagnamento ad ogni forma di cultura. Una particolare vocazione l’ha sempre avuta per la rappresentazione scritta, sin dagli illustri scrittori affezionati del marchio, come Stendhal, Lord Byron e tanti altri che negli anni ne hanno apprezzato le carte e gli articoli di scrittura. Memore di questo meraviglioso lascito, nel 2020 Pineider crea una nuova alleanza con la scuola di scrittura Molly Bloom. Questo è solo un tassello del progetto più ampio che vede il brand orgogliosamente impegnato nella diffusione della cultura, soprattutto in un momento così complesso.” ha dichiarato Giuseppe Rossi, General Manager di Pineider, a proposito del progetto.

Giuseppe Rossi, Direttore Generale di Pineider
Giuseppe Rossi, Direttore Generale di Pineider

“Sono molto felice di poter annunciare questo progetto che vede uniti Pineider e la nostra accademia. Noi di Molly Bloom siamo convinti che scrivere sia un modo meraviglioso per cercare di capire tutto quello che non sappiamo su noi stessi e sul mondo; e non c’è niente di più emozionante e appagante che condividere questa scoperta con chi deve ancora farla o si è già messo in cammino ma ha bisogno di una mappa per orientarsi.” ha aggiunto Leonardo Colombati, scrittore e fondatore di Molly Bloom.

Leonardo Colombati
Leonardo Colombati

In attesa dell’inizio del corso di narrativa – a cui seguirà, in autunno, uno di poesia – la collaborazione tra Pineider e Molly Bloom parte da una conversazione tra Leonardo Colombati (rettore di Molly Bloom e direttore di «Nuovi Argomenti», la più importante rivista letteraria italiana) e il Premio Pulitzer Jhumpa Lahiri, prevista per il 15 dicembre.

Nel rispetto del periodo delicato che stiamo vivendo, l’incontro avverrà sui rispettivi canali social: la scrittrice americana farà un takeover del profilo Pineider, mentre Colombati interverrà da quello dell’accademia. L’idea di questo dialogo nasce dal pensare alla stesura di un diario, su cui Jhumpa Lahiri sta realizzando un corso per Princeton, e una lezione magistrale che s’inserirà nel programma del corso di narrativa.

Fonte foto: Pineider press office

Commenti

comments