Intervista a Totò Schillaci: da calciatore a cantante è un attimo

Totò Schillaci ricorda gli anni più belli, quelli del Mondiale di Italia 90 con una canzone in collaborazione con 78 BIT.

78 bit e Toto' Schillaci

Come è nato il progetto di questo brano? Tutto è nato quando Mario Fucili mi ha cercato e mi ha coinvolto in questo progetto. Io non so cantare, ma sono una persona molto disponibile per questo tipo di progetti, così mi sono lanciato in questa avventura così diversa per me. Mi sono divertito molto e spero che il progetto vada bene.

Quali sono le sensazioni che hai provato a ricordare quegli anni magici dei Mondiali? I Mondiali sono sempre nella mia mente, anche a distanza di tanti anni il ricordo non passa mai, sono sempre presenti nella mia vita e nella vita delle persona che mi circondano e che mi incontrano, perché in loro vedo sempre tanto affetto nei miei confronti. A distanza di 30 anni mi rendo conto che la popolarità non è diminuita, e spero che vada avanti ancora per altri 30 anni!.

Tu hai partecipato al brano, in che modo? Quanto sei stato coinvolto alla realizzazione del pezzo? Come hai conosciuto Mario Fucili? Con Mario ci siamo conosciuti durante una partita di calcio tra attori e cantanti, fatta per beneficenza. In seguito a questa conoscenza lui mi ha chiesto di fare questa piccola partecipazione a questo brano; io gli dissi subito che non so cantare, ma lui mi ha coinvolto ugualmente e oggi ne sono contento perché la canzone è molto carina, si ascolta volentieri, parla dei mondiali e io mi sono divertito a partecipare.

Ci puoi raccontare qualche aneddoto divertente che è successo in fase di realizzazione del progetto? Per me che non sono mai stato un cantante, avere le cuffie e il maestro di fronte a me a coordinarmi era un po’ strano.

Ti sei sentito più a tuo agio con le cuffie o con il pallone? Ognuno ha la propria dimensione, io naturalmente mi sono sempre sentito più a mio agio con il pallone. Cantare non è il mio forte! Ho avuto un po’ di difficoltà all’inizio, ma poi mi sono sciolto e tutto è avvenuto naturalmente.

Quando rivedremo, secondo te, un’Italia forte come quella di Italia 90? Non saprei. Intanto dobbiamo aspettare la ripartenza del campionato a settembre e lì poi vedremo cosa succederà.

Fonte foto: press office 78 BIT

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp