Henne: guida su come farlo biondo, castano e rosso

Oggi ti spieghiamo come fare l'henné, una tinta per capelli davvero particolare ideale per tutti i tipi di colore, dal castano al biondo.
henne come farlo

Oggi affrontiamo un argomento molto interessante ed altrettanto utile a tutte le amiche che come me, ormai da qualche anno causa capelli bianchi in bella vista, ricorrono alle tinture per capelli. Oggi infatti parliamo di henné, delle sue curiose caratteristiche e delle sue preziose proprietà naturali tramandate con cura da secoli (e leggendo questo articolo ne capirete il perché!) e che molte di noi, fino a questo momento, non conoscevano.

Tempo ricrescita capelli: come farli crescere più velocemente

L’henné: questo conosciuto solo in parte da molte di noi, ma non da tutte, che sembra essere un metodo di colorazione naturale per i nostri capelli dal quale essi traggono addirittura benefici e vantaggi per il loro benessere…fantastico direi! Prendersi cura dei capelli durante una tintura? Un sogno per tutte noi!

Voi lo conoscete l’henné, lo avete già provato questo prodotto sui capelli?

Prima di scrivere questo articolo, l’henné era per me un vero sconosciuto, del quale sentivo parlare ogni tanto da qualche amica particolarmente amante di prodotti naturali. Poi mi sono documentata per bene e mi si è aperto un mondo nuovo in fatto di tinture per capelli vegetali.

henne come farlo

Oggi ho deciso di condividere con voi, tramite questo articolo, le preziose informazioni che ho raccolto inerenti a questo affascinate prodotto naturale che può essere utilizzato sui capelli.

Ma come sempre ritengo che sia importante partire dal principio: l’henné prende il nome dalla pianta da cui deriva ovvero la Lawsonia inermis, più comunemente chiamata henné. Da questa pianta, dalle sue foglie e dai suoi rami, si ricava una polvere che verrà poi utilizzata come colorante vegetale. Questa polvere verrà impiegata, oltre che per la realizzazione di quei bellissimi tatuaggi di origine orientale che si possono sfoggiare durante il periodo estivo, anche per tingere i capelli. Proprio per questa sua origine, tale sostanza che allo stato naturale si presenta di colore arancio-rossiccio, è ricca di elementi che nutrono il capello. Possiamo confermare con certezza che le tinture all’henné sono perfette e consigliate per chi ha i capelli sottili che hanno bisogno di nuovo vigore. Se hai i capelli grassi, l’henné aiuterà a regolare la secrezione di sebo. In generale la nostra chioma risulterà, grazie all’henné più bella, corposa e luminosa. Si dice invece che non sia proprio l’ideale se hai i capelli secchi, perché potrebbe incrementarne l’effetto crespo.

Per un risultato davvero “green” sarebbe ottimo scegliere il nostro henné totalmente vegetale e non addizionato ad agenti chimici.

Henné capelli: funziona davvero così bene come dicono?

A quanto pare sì. A parte il fatto che, come detto in precedenza, è davvero un toccasana per la salute dei nostri capelli, l’henné copre benissimo i capelli bianchi senza rovinarli e stressarli troppo come può accadere con tinture di origine chimica o con le decolorazioni. In sostanza l’henné, una volta applicato, va a creare una sorta di pellicola protettiva attorno al capello e per questo sarà più protetto dagli agenti esterni e dallo smog risultando più sano e forte.

E’ una tintura che dura nel tempo, anche se tende a sbiadire con più facilità rispetto ad una classica tinta chimica. Questo metodo di colorazione naturale è capace di esaltare ogni tonalità di capello. Scopriamo insieme come!

Henné: come si prepara e cosa ci occorre

Prendete carta e penna e segnate. Entriamo nel vivo dell’argomento e capiamo come preparare il nostro hennè per capelli in modo corretto. Mi sono documentata e condivido con voi quanto scoperto. Innanzitutto attrezzati con:

  • Una ciotola (non di metallo)
  • Una spatola in legno o plastica
  • Un pennello per passare la tinta
  • Una cuffia da doccia
  • Guanti in lattice

Acquista la polvere per realizzare il tuo henné in erboristeria, oppure online all’interno di un sito affidabile, ed accertati di acquistare un prodotto di qualità che non sia miscelato con sabbia. Fatto ciò sei pronta e puoi procedere alla sua realizzazione. Il procedimento è semplicissimo! Anche in questo caso puoi approfittare delle migliaia di tutorial che il web offre, sia per quanto riguarda la preparazione dell’henné che per la sua applicazione.

Consiglio molto importante: se decidi di provare la tintura all’henné non farlo se hai eseguito una tintura chimica nelle 4 settimane precedenti!!! Potresti ritrovarti con i capelli di un colore verdastro e credo che questo non sia proprio il risultato sperato!

Alla polvere di henné, acquistata nella quantità giusta per i tuoi capelli, aggiungi acqua calda fino ad ottenere una densità cremosa, ne troppo densa ne troppo liquida. Non aggiungere altro all’impasto che hai ottenuto e preparalo la sera prima.

Una volta pronto l’henné va applicalo sui capelli puliti e umidi, appena lavati. Questo procedimento richiede cura e precisione. Non spaventarti, intendo dire che il prodotto va distribuito in modo uniforme e massaggiato con cura dalla radice fino in fondo alle punte dei capelli. Se non sei pratica le prime volte fatti aiutare da qualcuno.

henne come farlo

Copri il capo con la cuffia da doccia (se non ce l’hai puoi utilizzare anche la pellicola trasparente per alimenti) e tieni possibilmente la testa sotto una fonte calda (potresti anche indossare un cappello in lana). Il calore aiuta molto la buona riuscita della tinta e in questo modo ridurrai di gran lunga i tempi di posa dell’henné. Infatti, se proprio vogliamo trovare un punto a sfavore a questa soluzione per tingere i capelli, è proprio il fatto che i tempi di posa possono essere un pò più lunghi rispetto ad una tintura di origine chimica. Parliamo di almeno 4/5 ore di posa. Tale tempistica sarà determinante anche per definire l’intensità del colore desiderato. Risciacqua poi i capelli e il cuoio capelluto con cura e a lungo con acqua tiepida tendenzialmente fresca. Applicando l’henné sui capelli puliti eviterai di utilizzare lo shampoo durante il risciacquo oltre al fatto che sarà una prerogativa fondamentale per l’ottima riuscita del colore.

Ricordati che l’henné puro è quello dalla colorazione naturalmente rossiccia e dona bellissime tonalità rosso-rame fino ad arrivare al mogano. Molto dipende dal colore di partenza dei nostri capelli.

Ti lascio di seguito alcuni marchi di henné tra i migliori che ho scoperto dopo un accurata ricerca:

  • Radico Polvere di Henné Bio: polvere pura di henné, perfetto sia per tingere i capelli sia per effettuare i famosi tatuaggi.
  • Khadì: henné puro rosso 100% naturale e senza additivi
  • Henné Naturale Centifolia : puro al 100% dona tono e lucentezza ai capelli

C’è poi l’henné neutro e l’henne nero, ma non possiamo comunque ritenerli henné “originali e puri” al cento per cento!

Altro piccolo svantaggio per quanto riguarda l’henné capelli è il fatto che ci sia una scarsa gamma di tonalità di colore tra le quali scegliere.

Possiamo comunque trovare in commercio preparati sempre di origine naturale adatti a capelli castani, neri o biondi. Ma ribadisco il fatto che in questo caso non parliamo di henné puro!

Henné: come farlo sui capelli biondi, castani e rossi

Henné sui capelli castani

Se sei castana utilizzare l’henné castano già pronto in commercio ti aiuterà ad intensificare il tuo colore naturale ed a enfatizzarne i riflessi luminosi. L’henné castano non esiste in natura! Quando parliamo di preparati che trovi in commercio, vuol dire che parliamo  di mix di henné e erbe tintorie. Le più utilizzate per creare l’henné castano sono il mallo di noce, il katam, il melograno o l’indigo. Se vuoi preparare a casa il tuo henné castano, le erbe tintorie saranno da dosare in base all’intensità del castano desiderata (castano chiaro, castano scuro, castano medio) L’henne rosso cosi detto ”puro”, quello che ci prepariamo a casa con la polverina naturale, invece donerà sfumature ramate e coprirà alla perfezione i capelli bianchi.

henne come farlo

Henné sui capelli biondi

L’henné biondo, anche in questo caso, non si trova naturalmente in natura ed è un mix di ingredienti comunque di origine vegetale tra i quali troverete sicuramente spesso la camomilla (anche in questo caso non parliamo di henne puro!) Tale composto saprà schiarire e sfumare con riflessi dorati i capelli che partono già da una base più o meno chiara. Anche in questo caso, se invece utilizzi l’henné “puro”, il tuo colore biondo virerà verso un biondo-rossiccio con riflessi ramati.

Henné sui capelli rossi

Se hai già i capelli rossi l’henné puro sarà perfetto per te, poiché intensificherà questo fantastico e raro colore di capelli data la sua tonalità naturalmente rossa- arancio. Il vero henné in questo caso darà davvero il meglio di sé senza ricorrere all’aggiunta di erbe tintorie.

Quindi che cosa abbiamo capito di questo metodo naturale di colorazione per i nostri capelli?

Abbiamo sicuramente capito che anche l’henné ha i suoi punti di forza e i suoi punti deboli. Li ho riassunti così:

I pro:

  • L’henne puro copre benissimo i capelli bianchi.
  • Nutre e dona luminosità alla nostra chioma, un vero impacco di benessere per i capelli!
  • Non andiamo ad applicare agenti chimici sul cuoio capelluto e la nostra salute ringrazia
  • Minima spesa massima resa!

I contro (anche se non sono poi così gravi!)

  • I tempi di posa sono abbastanza lunghi
  • Lo devi preparare la sera prima quindi organizzati per le tempistiche
  • Non ci sono molte tonalità di colore tra le quali scegliere se parliamo di henné puro
  • Gli henné in commercio sono spesso un mix non puro, ma realizzati con l’addizione di altre sostanze o erbe tintorie.
  • L’henné non ha un odore gradevole

Quanto dura la tintura all’henné?

Un paio di mesi circa, ma siccome tende a sbiadire nelle settimane successive alla sua applicazione, risulterà meno netta la ricrescita dei capelli bianchi che al contrario è molto più evidente nei casi di tinture chimiche tradizionali. Ciò potrebbe essere inserito nella nostra lista appena stilata sopra come un punto a favore per le tinture all’henné!

Accortezze partiche da prendere prima di iniziare ad applicare la vostra tinta all’henné.               

L’henné, ma in generale le erbe tintorie, hanno un fortissimo potere di colorazione e tendono a  macchiare.

Evita quindi di indossare capi ai quali tieni particolarmente perché rischieresti di sporcarli irrimediabilmente mentre hai in posa la tua tinta naturale e indossa sempre i guanti quando la maneggi e la stendi sui capelli. Per proteggere la pelle tra l’attaccatura dei capelli e il contorno del viso, evitando di macchiarla, stendi un velo di crema proprio come fanno dal parrucchiere.

Henné capelli: le opinioni di chi lo ha provato!

Diciamo che non c’è molto da dire: la stragrande maggioranza delle donne che hanno provato questa tintura per capelli naturale ne parla più che bene considerandolo una vera rivelazione! E’ ritenuta da molte una soluzione di bellezza economica, ottima per coprire i capelli bianchi e quasi curativa per chi ha capelli deboli o dal colorito spento. E’ inoltre la soluzione migliore per tutte coloro che soffrono di allergie alle comuni tinte di origine chimica. Alcune sostengono che i loro capelli siano letteralmente rinati dopo varie applicazioni di henné naturale e non lo hanno più abbandonato! Ricordo che stiamo parlando di un prodotto totalmente naturale e che quindi difficilmente può creare questo tipo di problemi allergici o strani rossori. Con questo non voglio assolutamente “demonizzare” le tinture per capelli non di origine naturale, poiché sono comunque prodotti sottoposti a rigorosi controlli e test di laboratorio. Ma il fatto di utilizzare un prodotto totalmente vegetale privo di agenti chimici spesso a noi sconosciuti, la trovo una buona alternativa per preservare la salute e il benessere, nel caso specifico, dei nostri capelli!

Potrebbe comunque capitare che alcune di noi non siano soddisfatte del risultato ottenuto dall’applicazione dell’henné e vogliano fare marcia indietro. Si può fare? Sì! Rimanendo su soluzioni del tutto naturali, ho letto che per ritornare al colore di base dal quale siamo partite, basterà effettuare degli impacchi di olio di oliva da tenere in posa per almeno 2 ore e mezza o tre in modo da neutralizzare il colore ottenuto dalla tintura con l’henné. Potrebbe essere necessario effettuare più volte tale operazione.

Cari amici abbiamo trattato l’argomento henné per capelli davvero a 360 gradi! Personalmente tengo molto ai miei capelli e sono sempre alla ricerca di prodotti con cui trattarli di alta qualità, possibilmente di origine naturale e che mi aiutino a mantenerli sani e forti nel tempo. Sì perché anche i capelli, come la pelle di viso e del corpo, subiscono il tempo che passa, oltre agli agenti atmosferici e lo smog. Col passare degli anni tendono a diventare più opachi, spenti e molto meno corposi.

Vanno curati e trattati nel migliore dei modi, con prodotti specifici tanto quanto curiamo la salute della nostra pelle. Sapere di riuscire a prendermi cura di loro e nutrirli in modo corretto anche quando mi faccio la tinta ritengo sia davvero il massimo che si possa desiderare! Ecco perché questa tecnica che ha secoli di storia alle spalle mi incuriosisce davvero tanto e non vedo l’ora di provarla sulla mia folta chioma!

Fonte foto: Unsplash / Pexels / Pixabay

Commenti

comments