Decluttering: liberarsi del superfluo e vivere meglio

Inutile negarlo. Questa è una magia oppure solo tantissima forza di buona volontà? Probabilmente entrambe le cose, ma non bisogna mai dimenticarsi che decluttering significa: liberarsi del superfluo e vivere meglio. E mi raccomando: non abbiate paura del vuoto. Lasciate che il vostro spazio respiri.

Oggi consigli utili con una serie di “micro-azioni” per liberarvi del superfluo e vivere più leggeri.

Eccovi una serie di “micro-azioni” per liberarvi del superfluo. E’ molto importante essere consapevoli che non contano solo le grandi manovre: anche un piccolo gesto può fare le differenza. Quindi ho pensato di dispensare dei consigli da utilizzare in qualsiasi stanza della vostra casa.

Piccole perle di saggezza che, a mio parere, aiuteranno a stare meglio!

Partiamo da questo primo punto molto facile: se avete in casa o in garage qualsiasi tipo di attrezzatura da fitness che non usate da almeno 90 giorni, mettetela in vendita, regalatela oppure… cogliete l’occasione per riprendere ad allenarvi. Non male come idea?

Ciò che riposa in cantina o in garage riposa da più di sei mesi in uno scatolone sperduto è inutile anche da riguardare. Liberatevene senza neanche aprirlo. Sarà difficilissimo da fare ma domani ve ne sarete già dimenticate.

Pulite il frigorifero. Non vale solo fuori, anche dentro. E riorganizzatelo in maniera ordinata.

Aggiustate qualcosa che è rotto e che avete messo da parte, magari da mesi, in attesa di aver tempo e voglia. Al termine del bricolage le strade percorribili saranno due: utilizzare l’oggetto aggiustato oppure riporlo sulla mensola? Se la risposta alla mia domanda è la numero due non vi resta che…fare spazio e liberarvi.

Scegliete una superficie (mensola della libreria, tavolino, piano del lavandino in bagno…) e liberatela completamente. Lasciatela vuota per un paio di giorni anche se vi sembra spoglia: datevi il tempo di abituarvi, e poi decidete se “ripopolarla” oppure no. Questo esercizio sarebbe bello applicarlo anche alla nostra mente. Ma come fare a lasciar riposare un piccolo scomparto completamente vuoto per qualche giorno?

Sembra scemo ma non è: se non avete un lettore CD, eliminate i CD. Potete venderli al Libraccio, portarli in biblioteca, lasciarli a disposizione di chi viene a trovarvi. Io ho realizzato proprio oggi questa cosa. Cosa me ne sono fatta per tutto questo tempo dei CD non avendo più un lettore?

Smettete di associare cose e persone. Volete liberarvi di qualcosa ma esitate perché è legata a una persona importante? Nessuno che vi voglia veramente bene se la prenderà. Probabilmente non ci faranno neanche caso. Seriamente.

A riempire nuovamente gli spazi farete sempre in tempo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp