Post-it: colorati o no, ecco la loro storia

Il Post-it classico è di quel color giallino che praticamente tutti conosciamo. Che sia rettangolare o quadrato, grande o piccolo, giallino o colorato, tutti ne abbiamo fatto uso (chi più, chi meno!).

post-it notes

Nato nel 1968, il Post-it sembra una delle invenzioni più semplici di sempre, una di quelle cose a cui non si presta molta attenzione, eppure, pensandoci bene, è davvero una genialata!

Il foglietto nato per correre in soccorso alle memorie meno ferree e per chi necessitava di appuntare qualsiasi cosa in qualsiasi posto, il vero valore aggiunto del Post-it era (ed è tuttora!) la colla sul retro.

E sì, perché è quella colla che attacca ma non troppo, che puoi mettere sull’agenda, sul pc, sul frigorifero…insomma, ovunque, a fare la differenza. E volendo lo puoi anche riutilizzare.

Post-it Notes: come è nato?

La leggenda racconta che la nascita del Post-it sia più o meno casuale. Per meglio dire, la nascita dell’utile foglietto sarebbe da attribuire ad un errore.

Pare infatti che la colla pensata per il primo prototipo dovesse essere di ben maggiore tenuta, senza sapere che il successo del Post-it sarebbe poi proprio ruotato intorno alla tipologia della colla utilizzata.

A forma di fiore, a forma di cuore, piccolissimi, utili a studenti, segretarie, manager, dottori e chi più ne ha più ne metta. Insomma, a quasi 50 anni, il Post-it è ancora in voga ed è utilizzato proprio da tutti!

crediti: parade.com

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp