Samsung Galaxy Note 7: cos’è successo e cosa accadrà – Fashion Times

Capitolo Samsung Galaxy Note 7 definitivamente chiuso. Ma cos'è accaduto? E soprattutto, cosa accadrà? Tutti i nuovi scenari.

Da alcuni giorni la storia del Samsung Galaxy Note 7 si è ufficialmente conclusa con un comunicato dell’azienda coreana.

Gli utenti che l’hanno acquistato sono stati invitati a non utilizzare più il phablet e a restituirlo, sia nel caso in cui si trattava del modello originario sia del modello dato in sostituzione del precedente. Il rischio che la batteria del Samsung Galaxy Note 7 potesse provocare surriscaldamenti, esplosioni e conseguenti incendi era troppo alto e metteva seriamente a rischio l’incolumità delle persone che ne erano in possesso.

Per tale motivo Samsung ha deciso di richiamare in maniera definitiva tutti i modelli di Samsung Galaxy Note 7 venduti, invitando gli acquirenti a riportarli indietro e a sostituirli con altri smartphone. Il comunicato ufficiale dell’azienda è stato dunque il capitolo finale di una storia che non è partita nel migliore dei modi e che si è conclusa con un esito a cui Samsung adesso cercherà di porre rimedio nel migliore dei modi.

samsung galaxy note 7

Samsung Galaxy Note 7: gli episodi che hanno portato allo stop

I problemi dell’ultimo phablet di casa Samsung si sono verificati praticamente sin da subito, tant’è che l’azienda è stata costretta ad effettuare un primo richiamo dei dispositivi difettosi e a sostituirli. Una mossa che però non pare essere servita, in quanto anche i modelli forniti in sostituzione avrebbero presentato i medesimi inconvenienti: la batteria avrebbe potuto provocare esplosioni.

Molti acquirenti hanno postato sul web vere o presunte foto di Samsung Galaxy Note 7 andati letteralmente in fumo. Alcuni avrebbero anche denunciato episodi di incendio (come il proprietario di una Jeep, negli Stati Uniti, andata distrutta, pare, a causa dell’esplosione del Galaxy Note 7). Persino le compagnie aeree sono arrivate a vietare l’utilizzo e il caricamento dei Galaxy Note 7 a bordo dei velivoli, dopo che un episodio aveva fatto scattare l’allarme sicurezza sui voli. Insomma, una serie di sfortunati eventi che ha condotto Samsung a mettere la parola fine al ciclo vitale del phablet.

samsung galaxy note 7

Samsung Galaxy Note 7: cosa deve fare chi l’ha acquistato

Chi ha acquistato il Samsung Galaxy Note 7 deve semplicemente restituirlo. Negli Stati Uniti Samsung ha fornito ai proprietari del phablet un apposito kit di sicurezza per il reso (in Europa pare di no, almeno per il momento). E per quanto riguarda l’Italia? A tal proposito Samsung ha rilasciato una nota ufficiale in cui si legge che la presenza del Galaxy Note 7, nel nostro Paese, dovrebbe essere assai limitata e quindi il problema interessare un numero molto ristretto di persone. Il fatto è che in Italia il phablet non era stato ancora diffuso capillarmente e che solo quattromila modelli – di cui duemila effettivamente distribuiti – erano stati preordinati. Chi dovesse esserne in possesso però, è stato invitato a restituirlo e a scegliere altro modello.

A quanto pare Samsung offrirà anche un incentivo a coloro che vorranno sostituire il Galaxy Note 7 con altro modello Samsung. Negli Stati Uniti si offrirà una somma di cento dollari mentre lo stesso incentivo si abbasserà a venticinque dollari nel caso in cui gli acquirenti decidano di comprare modelli di altre marche.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp