Tipi da spiaggia da cui è meglio stare alla larga.

È stato il mio primo week end al mare della stagione...meglio tardi che mai! Ma si sa, quando si lavora nella grande città il tempo delle gite fuori porta non c'è sempre...e se l'altra volta vi consigliavo cosa portare in valigia per uno o due giorni di mare, adesso vi vorrei dire da chi dovete stare alla larga durante il vostro soggiorno. Specie se sperate di trovare in essi l'amore della vostra vita.

Ecco i 10 tipi da spiaggia che io eviterei alla grande.

IL BAGNINO: classico tipo da rimorchio, abbronzatissimo a volte fisicatisssimo e con i capelli perfettamente cotonati. Mi rivolgerei a lui non tanto per farmi salvare la vita ma per chiedergli che phon usa .

IL MODAIOLO: Sfoggia costumi all’ultimo grido ed è firmato da testa a piedi. Lui non è al mare ma è uno di quelli che a Gennaio e Giugno posa sul muretto di Pitti. Magari quest’anno ci racconterà pure del suo blog!

IL BARMAN: Ti seduce con le parole e l’alcol ma il giorno dopo finge di non conoscerti. E così farà ogni giorno del vostro soggiorno.

IL BULLO: E’ muscoloso, grezzossimo, strafottente, un vero macho che non deve chiedere mai. L’uomo perfetto (a volte) per una notte di passione ma non per parlare della Fame nel mondo.

IL SURFER: E’ sportivo e affascinante ma spesso sa cavalcare bene solo le onde. Il più delle volte è un gran buffone. Perché a meno che tu non sia su una spiaggia a Bali, la vedo difficile cavalcare le onde a Rimini.

L’ISTRUTTORE: Non manca mai..che sia istruttore di tennis, golf,  acquagym o di bocce lui c’è sempre ed è un misto tra il bagnino e il surfista. E si sente come un tronista di uomini e donne.

IL CHIACCHIERONE: Pur di attaccare bottone farebbe qualunque cosa, è evidentemente disperato, e spesso gli argomenti non sono per niente interessanti. Impossibile non riconoscerlo a km di distanza quindi meglio stare alla larga.

L’ ANIMATORE: Se la tira da impazzire, consapevole di essere un oggetto del desiderio ma al giorno d’oggi il mito dell’animatore è superato. Anche perché animatori come una volta ce ne sono pochi o sono troppo giovani e non si sanno approcciare, o sono troppo usati e non ne vale la pena.

IL DJ: Si crede il David Guetta della Romagna, con la sua maglia aderente e le collane; ovunque passa la serata a dimenarsi davanti una consolle circondato da ragazzine semi nude che ancheggiano fuori tempo. Noi siamo donne vere..vogliamo di più.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp