Ma noi uomini siamo davvero pronti per la gonna?

Via i canoni tradizionali del menswear… Ma l'uomo è davvero pronto per indossare la gonna o il tentativo di Edmund Ooi è solo l'ennesima trovata pubblicitaria?

La mia giornata di sfilate milanesi era iniziata vedendo – di primo mattino – uomini, diciamo meglio, ragazzetti magrissimi, con la gonna. L’idea personalmente non mi dispiace… poco portabile (anzi forse nulla)… ma il problema se può forse essere tale, lasciamolo a chi dovrà vendere la collezione e a chi, con tanto mio rispetto, troverà il coraggio, forse, di indossarla (mi chiedo dove e quando)…

Siamo pronti per la gonna? Ho i miei dubbi. E’ la sfilata del malese Edmund Ooi, che debutta a Milano al Teatro Armani. Lo stilista si focalizza per la collezione, sulla moda del tardo diciottesimo e diciannovesimo secolo. Da qui il suo interesse cade sui tagli geometrici e la sartorialità… Tutto è destrutturato e ricostruito… pezzo per pezzo… cucitura per cucitura…

Motivi gessati realizzati con scampoli di tessuto cucito sui capi e completi in triacetato e lana e gomma modellata.

Pezzi forti: il cappotto di lana destrutturato, ma anche la maglieria di jacquard e i capi decorati con paillettes.

Ammiro tanto l’azzardo di alcuni look e la mia delusione è stata – devo dirlo – alla fine quando proprio lui promotore della gonna in passerella anche per l’uomo, che fa… non la indossa nell’uscita finale…

Collezione indubbiamente libera da schemi e dai canoni tradizionali del menswear… Diciamo coraggioso, soprattutto da proporre al classico maschio nel quotidiano.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp