Jennifer Lawrence parla dello scandalo delle foto rubate

Qualche settimana fa era scoppiato lo scandalo delle fotografie rubate alle celebrities di tutto il mondo. Su Vanity Fair, Jennifer Lawrence ne parla per la prima volta.

Jennifer Lawrence parla per la prima volta in pubblico dello scandalo delle fotografie rubate (leggi la news pubblicata su Fashion Times il 1° settembre 2014). Per farlo sceglie la rivista Vanity Fair, dove l’attrice 24enne si è aggiudicata la cover.

Jennifer Lawrence si confida con Vanity Fair

Jennifer Lawrence si confida con Vanity Fair

Il premio Oscar commenta così lo scandalo: “Solo perché sono un personaggio pubblico, solo perché sono un’attrice, non significa che ho scelto tutto questo. Non fa parte del pacchetto. E’ il mio corpo, e dovrebbe essere una mia decisione, e il fatto che non sia mia la scelta è disgustoso. Non posso credere che viviamo in un mondo così. Non è uno scandalo, è un crimine sessuale. E’ una violazione sessuale. E’ disgustoso. La legge deve cambiare, e anche noi. Ecco perché questi sito sono responsabili. Non è accettabile che il fatto che qualcuno sia abusato sessualmente sia percepito per qualcuno come un modo per fare soldi. E’ una cosa che non riesco a capire. Non si può essere così insensibili e distaccati dall’essere umano“.

Jennifer prosegue poi dando una spiegazione del perché aveva queste fotografie. Spiega che la relazione passata – durata 4 anni con l’attore Nicholas Hoult – era a distanza per gran parte del tempo, essendo entrambi attori. La scelta era tra far vedere sue foto sexy o porno al suo ragazzo.

Jennifer Lawrence si confida con Vanity Fair

Jennifer Lawrence si confida con Vanity Fair

Conclude con un messaggio ai tabloids e siti internet: “Potete scegliere. Non dovete diventare gente che pubblica negatività e menzogna. Potete agire in modo positivo. Facciamo tutti questa scelta“. A.R.

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter di FASHION TIMES

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp