Omaggio a “Il Cappello di paglia di Firenze” di Nino Rota

Venerdì 15 luglio 2011, alle ore 20.30, all’interno dell’Estate fiorentina 2011, andrà in scena l’opera forse più celebre dell’autore milanese, Il Cappello di paglia di Firenze di Nino Rota, di cui proprio quest’anno si celebrano i 100 anni dalla nascita (3 dicembre 1911 – 10 aprile 1979), un anniversario che non poteva passare inosservato; la […]

Venerdì 15 luglio 2011, alle ore 20.30, all’interno dell’Estate fiorentina 2011, andrà in scena l’opera forse più celebre dell’autore milanese, Il Cappello di paglia di Firenze di Nino Rota, di cui proprio quest’anno si celebrano i 100 anni dalla nascita (3 dicembre 1911 – 10 aprile 1979), un anniversario che non poteva passare inosservato; la produzione è nuova, di manifattura fiorentina, non solo perché curato nella regia, le scene ed i costumi dai professori e dagli allievi di Maggio Fiorentino Formazione, ma perché i cappelli che appariranno in scena di volta in volta, sui capi dei protagonisti o ad abbellire il palcoscenico, sono il frutto di un’altra importante collaborazione, quella con il Consorzio dei cappelli di paglia di Firenze, – nella doppia veste di fornitore e sponsor della produzione – che, per l’occasione, ha allestito un’esposizione di cappelli nel foyer del Teatro Comunale.

L’esposizione sarà visibile nei giorni di spettacolo, negli orari d’apertura del teatro. In questa esposizione avrete l’occasione di vedere il cappello più grande del mondo. Questa iniziativa nasce dalla collaborazione tra il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e Maggio Fiorentino Formazione.

Quest’opera andrà di pari passo con un’innovazione tecnologia ovvero i “soprattitoli” (nati in Canada tre anni prima, nel 1983), sarà possibile leggerli su iPad, smartphone e tablet. Il Maggio è molto orgoglioso d’essere il primo a procedere con questa sperimentazione, sarà poi il pubblico a decretarne la fortuna o a suggerire migliorie al sistema adottato. A.R.

Segui Fashion Times su Facebook e Twitter

Iscriviti alla NEWSLETTER di Fashion Times

Commenti

comments