Cannes: la favola di Léa Seydoux

Parte già privilegiata è vero! La giovane Léa, di quasi 26 anni, è quella che si chiama una figlia d’arte. E’ la nipote di Jérôme Seydoux, presidente della casa di produzione cinematografica Pathè ed è la pronipote di Nicolas Seydoux, presidente della Gaumont. Ciò non le impedisce di seguire diversi corsi di teatro. Ciò la […]

Parte già privilegiata è vero! La giovane Léa, di quasi 26 anni, è quella che si chiama una figlia d’arte. E’ la nipote di Jérôme Seydoux, presidente della casa di produzione cinematografica Pathè ed è la pronipote di Nicolas Seydoux, presidente della Gaumont. Ciò non le impedisce di seguire diversi corsi di teatro. Ciò la porta poi ad essere notata dal cantante francese Raphael che la sceglie per uno dei suoi video diretto da Olivier Dahan, mentre intraprende una carriera di modella.

Debutto a Cannes nel 2007, facendo parte della selezione dei talenti per il film “La Consolation“. Nel 2008 è l’anno della scoperta e nel 2009 viene scelta da Quentin Tarantino per un piccolo ruolo in “Bastardi Senza Gloria“.

Arriva dopo il film di Ridley Scott, “Robin Hood” e infine “Belle Epine” di Rebecca Zlotowski, che la riporta a Cannes. Ecco che pian piano Léa Seydoux si fa avanti e si ritaglia un posto nel panorama cinematografico.

Eccola ora, con un look Louis Vuitton abbinato a gioielli Louis Vuitton Haute Joaillerie, accanto a Woody Allen, per il Red Carpet di “Midnight in Paris” nella quale recita una piccola parte. Una cosa è certa, Léa si aggrappa al suo sogno! E.L.

Segui Fashion Times su Facebook e Twitter

Iscriviti alla NEWSLETTER di Fashion Times

Léa Seydoux e Woody AllenLéa Seydoux e Woody Allen

Commenti

comments