Integratori alimentari, cosa c’è da sapere

integratori alimentari

È acclarato che una dieta equilibrata sia sempre e comunque la soluzione migliore per il nostro benessere psicofisico, e che il cibo, soprattutto se scelto con cura, rappresenti la nostra miglior medicina. A volte, però, a sopperire alle mancanze nutritive e se il corpo ha bisogno di determinate sostanze, entrano in gioco i famosi integratori alimentari. È accertato dal Ministero della Salute e, dunque, dalla comunità scientifica: gli integratori sono un concentrato di sostanze, vitamine, aminoacidi, fibre e minerali, che possono aiutare a far fronte al nostro fabbisogno nutritivo.

Diffusione, tipologie e benefici

Gli integratori alimentari possono alleviare anche tutta una serie di disturbi fisici e psicologici, variando in base all’individuo, alla tipologia e all’obiettivo che si pongono. Distaccandosi dall’idea di medicina casalinga “fai da te”, gli integratori si distinguono per essere non totalmente dei medicinali.

Esistono diversi tipi di integratori, distinti in base alla loro precisa funzione nel nostro organismo: gli integratori energetici, idrosalini, proteici, vitaminici e nutrizionali, gli integratori per il fisico e quelli per l’ansia, l’umore, il nervosismo, lo stress, i disturbi del sonno, quelli per la pelle, i capelli, la circolazione, quelli per controllare il peso, quelli edulcoranti e quelli consigliati in gravidanza o in allattamento: ciascuno di essi, sotto forme e funzioni diverse.

Integratori e sport

Anche e soprattutto per chi pratica sport, l’utilizzo degli integratori può risultare prezioso. “Nonostante il corretto stile di vita ed un regime alimentare adeguato, – commentano i consulenti del sito della farmacia online Viata.itin particolari situazioni uno sportivo potrebbe avere bisogno di specifici supplementi dietetici, che siano, ad esempio, a base di creatina, aminoacidi o sali minerali. Questi aiutano a migliorare la massa muscolare, mettere a disposizione più energie per l’esercizio, a perdere peso, a ridurre l’indolenzimento muscolare, a recuperare le energie dopo l’attività fisica e a migliorare il metabolismo. La perdita di sali minerali, vitamine e proteine, infatti, può richiedere in questi casi un’integrazione di nutrienti, dato che non è sempre possibile aumentare la quantità di specifici nutrienti con l’alimentazione“.

Avvertimenti per l’assunzione

Tocca dirlo, la scelta è vasta e il dato non meraviglia, perché nel corso degli ultimi anni l’acquisto e il relativo consumo di integratori alimentari è cresciuto notevolmente, complice anche l’idea che questi rappresentino la soluzione ottimale per risparmiare e restare comunque in forma, fisicamente e psicologicamente parlando.

I motivi del loro successo e della loro diffusione sono diversi: in Italia vi sono alcune fra le più importanti industrie farmaceutiche nazionali e europee che hanno iniziato a produrre integratori che hanno assunto sempre più importanza. Ed è certamente giusto così, perché se affiancati ad una sana alimentazione, gli integratori possono dare un’ottima mano al nostro organismo. Tuttavia, nonostante esistano validi studi scientifici a sostegno delle loro proprietà salutistiche, un avvertimento è necessario e non va mai dimenticato. Pur non avendo effetti “curativi”, ogni integratore contiene sostanze utili per scopi specifici, per questo devono essere accompagnati da indicazioni relative alla funzione, alle modalità di assunzione e alla dose corretta. Essi devono rispondere agli stessi requisiti di sicurezza del cibo, cioè non contenere sostanze in grado di avere effetti negativi per la salute, e possono essere messi in commercio solo quando, in linea con uno specifico iter sperimentale, ne sia stata dimostrata la sicurezza e l’efficacia nel curare una determinata condizione. Le etichette, inoltre, sono controllate dal Ministero della Salute prima dell’immissione in commercio e devono riportare tutte le sostanze che li compongono, proprio come tutti gli altri prodotti, per cui si esige un consumo serio, calibrato e responsabile, meglio se sotto un presidio medico o farmaceutico. Ricordate sempre: di consultare il vostro dottore o il farmacista di fiducia prima di qualsiasi scelta. Siti come Viata.it mettono a disposizione degli utenti un servizio di consulenza gestito da veri farmacisti, fondamentale per un orientamento nella scelta del prodotto più adatto alle vostre esigenze e per fornire dei consigli sulla posologia e modalità d’assunzione.


Fonte foto: ready made da Pexels

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp