Orazio Tomarchio: Il mio Make-Up per raccontare la bellezza

Tra cinema, moda e imprenditoria… il tocco beauty del Make-Up Artist siciliano.
Orazio Tomarchio

Truccare significa capire… capire meglio le donne, esplorare la loro anima, porre delicatamente le basi per cercare il loro pensiero, carattere, luce… e perché no anche ombre e personalità.

L’arte del Make-Up è così quel dono che – delicatamente – crea una relazione intima e di pura bellezza tra l’artista, i suoi colori e la bellezza femminile.

Orazio Tomarchio – con il suo lavoro – è decisamente il chiaro emblema di questo concetto… ma soprattutto è il chiaro emblema di come l’amore per la bellezza si possa evolvere in una globalità che passa non solo dal make-Up ma va a toccare anche il beauty-care in toto e anche la didattica … o meglio quell’attitudine a trasmettere il sogno di un’estetica eccellente.

L’image-maker siciliano che fin da piccolo coltiva l’amore per l’arte, frequentando poi l’Accademia di Belle Arti oggi è un faro di riferimento anche per l’imprenditoria della bellezza.

Il suo headquarter in Sicilia – a Catania – è meta di una clientela internazionale che trova nel suo spazio di tre piani… il make-up e i profumi, lo skincare e l’Accademia di formazione.

La Truccheria Cherie, Cherie Maquillage e tutto il suo mondo che guarda e punta parecchio sui prodotti siciliani che diventano poi segno e ingrediente della sua linea ora è coccolato anche dalla tecnologia digital con l’arrivo del nuovo e-commerce –  www.latruccheriacherie.com /- nato non solo dai tempi che cambiano ma dalla velocità di poter rendere felici le sue clienti worldwide anche in tempi difficili come questi.

Check to Check Blouge Cherie Maquillage

Una personalità di dolce fierezza siciliana quella di Tomarchio che tra i suoi progetti è stato il anche il make-up artist ufficiale del Taormina Film Fest e ha firmato il make-up di diverse star e celebrities tra cui Anastasia, Sofia Loren, Susan Sarandon, Monica Bellucci, Kelly Lebrock, Ellen Pompeo, Marisa Tomei, Paz Vega, Isabella Ferrari, Robert De Niro, Richard Gere, Carole Bouquet, e tante tante altre.

Come ha iniziato il suo percorso nel beauty e che ricordi ha? Penso di aver sempre avuto questa vocazione. Quando senti un’energia fortissima che viene dal cuore capisci che è quello che vuoi fare. Il make-up artist come la parola stessa dice è un artista. Scolpisce un volto, lo colora di bellezza. Già a 16 anni avevo capito che questa era la mia strada. Mentre frequentato l’accademia di belle arti, contemporaneamente affinavo la mia mano con l’arte del make-up. Quando trucco entro in una sorta di estasi mistica per creare bellezza sul volto delle donne. È una vocazione perché il mio pensiero è continuamente dedicato al make-up anche in qualsiasi cosa che faccio. Sono nato make-up artist e morirò make-up artist. Prescinde dal lavoro manuale perché la considero un’arte a 360 gradi. Ho tatuato Miracle de Dieu sulle mie mani, perché nel mio cammino mistico con i monaci certosini, dissero che le mie mani erano un miracolo del signore perchè riuscivo a realizzare dei restauri minuziosi e precisi delle opere presenti nella loro certosa. Cosi come faccio sul volto delle donne, comuni e non. Il benessere emotivo incide su quello fisico assolutamente. Ci sono dei momenti di forte stanchezza fisica dove penso davvero di non riuscire a dare il meglio di me, ma fortunatamente la forza di volontà e la passione riescono sempre ad avere la meglio.

Qual è il tocco make- up che caratterizza il suo stile? Il mio make-up è uno studio continuo di tagli e perfezione di linee.  Una perfezione accademica e certosina.

Quando il trucco può rendere volgare una donna e quando invece rende più eleganti i suoi tratti? Partiamo dal presupposto che Il make-up non deve trasformare, ma esaltare. E che il trucco può essere audace, ma mai volgare. Ogni donna ha il diritto di apparire bellissima con un glam che enfatizzi le parti migliori di lei e non la stravolga. “Truccare significa capire le donne”. Nel primo approccio bisogna capire quali sono i punti di forza e di debolezza della donna che hai d’avanti. Da qui si comprende come una donna è e come vorrebbe sentirsi. In quell’istante io inizio a pensare al make-up adatto a quella tipologia. Il trucco viene quindi creato su misura come un vero sarto fa con la creazione di un abito.

Che cosa pensa delle donne che ricorrono alla chirurgia plastica? Non giudico nessuno. La chirurgia plastica se fatta bene può migliorare e renderci più self confident. Come in tutto è l’abuso che crea il brutto. Questo vale anche per il make-up.

La tendenza make-up per l’estate 2021? Chi conosce me Truccheria e la mia filosofia, sa che non esistono tendenze… il trucco si crea sulle esigenze e non sulle tendenze. Noi creiamo i prodotti in base anche alle richieste reali delle donne che incontriamo. 

Oggi invece – nel 2021 – che rapporto ha l’uomo e la nuova generazione con il make-up e i trattamenti di bellezza? Che sia 2021 o 2040 la mia idea del make- up uomo non cambia…Non mi piace e non è bello vedere il make-up su un uomo. Piuttosto la cura della pelle si, con gli appositi prodotti skin care. Ed è più che giusto che venga fatta con prodotti che rispettino la pelle e che siano completamente made in Italy, perché no in Sicily… Ma questo è un progetto che piano piano vi sveleremo.

Si è occupato del make-up di tantissime attrici. C’è una di loro che l’ha colpita particolarmente per il suo fascino? La mia carriera è lunga ed è stata una vera scalata tutta in salita. Sono molto onorato di essere stato official make-up Artist del Taormina Film Fest, secondo festival cinematografico più importante in Italia. Ne ho fatte 12 edizioni. E poi taobuk e nations Award. Per quanto riguarda le celeb ognuna ha le proprie preferenze, abitudini e convinzioni. Le internazionali, come Sarandon, Arquette, deniro, Geere, Pompeo, solitamente si pensa che possano essere molto altezzosi e diffidenti. Invece li ho trovati umili e in quanto professionisti si affidano completamente a dei professionisti e si lasciano consigliare. Le italiane invece sono più snob e più esigenti. Ma senza dubbio Sophia Loren è quella che mi ha colpito di più. Lo charme e l’energia che trasmette non ha eguali.  

Quali sono i suoi prossimi progetti? I miei prossimi progetti … sono un imprenditore che ha deciso di creare una linea di make-up e produrla in Italia e i miei prodotti skincare (che usciranno tra pochissimo!) in Sicilia. Faccio l’imprenditore nella mia terra e nella mia Isola. È un progetto Unico di espansione che vuole portare il mio brand in tutto il mondo. Ed è questo che voglio trasmettere. Il nostro lavoro è stato spesso svilito perché il lavoro è spesso “dell’amico dell’amica che conta o che è nel mondo dello spettacolo o della moda”. Ma dimostrerò che non funziona così, e che come me nessuno.


Fonte foto: Orazio Tomarchio press office

Commenti

comments