“Frozen 2 – Il segreto di Arendelle”: Alla Scoperta dell’Ignoto

L’attesa sta per finire: a 6 anni dal successo planetario di “Frozen”, dal 27 novembre tornano al cinema Elsa, Anna, Olaf, Kristoff e Sven in una nuova, emozionante e imperdibile avventura! Sono trascorsi 3 anni dagli eventi del primo film e Arendelle sembra aver ritrovato la pace: Elsa ha imparato a governare i suoi poteri, […]

L’attesa sta per finire: a 6 anni dal successo planetario di “Frozen”, dal 27 novembre tornano al cinema Elsa, Anna, Olaf, Kristoff e Sven in una nuova, emozionante e imperdibile avventura! Sono trascorsi 3 anni dagli eventi del primo film e Arendelle sembra aver ritrovato la pace: Elsa ha imparato a governare i suoi poteri, mentre Anna è felice al fianco di Kristoff. Tuttavia, la tranquillità del regno viene presto turbata da una minaccia proveniente dal passato: Elsa infatti, attratta da un canto misterioso che proviene dalla foresta e che solo lei riesce a sentire, scopre dei nuovi poteri legati a degli spiriti incantati, gli stessi con cui suo padre si era confrontato molti anni prima durante una battaglia nella foresta.

Quando gli elementi (fuoco, acqua, vento e terra) si abbattono su Arendelle, Elsa e i suoi amici decidono di dirigersi a nord, verso un regno dove domina l’autunno, per scoprire la causa della morte dei suoi genitori e l’origine del suo incredibile dono. Quel che si nota fin da subito è che i personaggi sono più maturi e che hanno vissuto tante esperienze: per sottolineare quest’idea, sono stati modificati i costumi e persino le loro acconciature.

Il film poi, introduce i quattro elementi, ognuno dei quali è associato a un colore; la co-scenografa Lisa Keene ha dichiarato a riguardo: “Il fuoco è rappresentato dal colore magenta caldo, l’acqua dal verde mare o dal ciano. La terra possiede una sfumatura viola-blu scuro, mentre l’aria o il vento sono azzurri. I colori sono più o meno accesi a seconda delle nostre esigenze”. Elsa e Anna sono ancora più protagoniste che nel primo episodio e questa volta non è il loro rapporto ad essere il cuore del film, ma l’importanza nel trovare la forza per essere indipendenti e ad accettare il proprio ruolo.

Il tema forte di “Frozen 2 – Il segreto di Arendelle” è sicuramente la scoperta, che qui si traduce nel partire per un lungo viaggio che conduce Elsa e Anna a scoprire cosa si nasconde fuori da Arendelle e, soprattutto, quale sia la verità sulla loro famiglia. Tutti questi aspetti affievoliscono quella linea infantile che aveva caratterizzato il primo Frozen e donano al sequel una vena più matura, che strizza l’occhio verso gli adulti. A smorzare un po’ i toni ci pensa, ovviamente, il buon Olaf, artefice dei momenti più divertenti del film. L’aspetto più entusiasmante invece, risiede negli aspetti tecnici: la natura prende vita più e più volte durante il lungometraggio e lo fa in modo impressionante, mentre le animazioni facciali dei protagonisti raggiungono dei livelli di realismo puro.

La colonna sonora porta nuovamente la firma di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez, compositori già premiati con l’Oscar come Miglior canzone originale per l’iconico brano “Let It Go”. Anche per le musiche di questa nuova avventura, i compositori hanno tratto ispirazione dalle loro figlie: “Anna ed Elsa stanno crescendo, proprio come le nostre figlie. Diventando sempre più indipendenti, dovranno prendere la propria strada e affrontare i momenti di difficoltà senza la nostra protezione”. Il film infatti non è altro che un viaggio alla scoperta di se stessi, un percorso di accettazione che apre la finestra su un mondo nuovo tutto da esplorare e che, per quanto possa spaventare all’inizio, riserva in realtà incredibili ed emozionanti sorprese. Pronti dunque ad intraprendere un viaggio verso l’ignoto?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp