Pesce d’aprile: i 4 scherzi passati alla storia

Il 1° aprile si avvicina! Fate attenzione al famoso "pesce d'aprile" perché se uno scherzo è fatto bene, è facile cascarci!

Abbiamo selezionato 4 divertenti scherzi storici, pesci d’aprile che forse non ricordi e che hanno letteralmente colto di sorpresa l’umanità.

Ci siamo: il 1° aprile è ormai alle porte. Nella giornata in cui – come recita il buon detto popolare –  “ogni scherzo è lecito”, cosa c’è di più divertente e piacevole che ricordare alcuni scherzi storici del pesce d’aprile? Eccone subito 4 di cui probabilmente, non hai mai sentito parlare.

Gli scherzi del 1° aprile passati alla storia

Gli spaghetti della BBC

Quello conosciuto con il nome di albero degli spaghetti è uno scherzo che risale al 1 aprile 1957, ovvero, quando il serissimo programma televisivo Panorama, mandò in onda un reportage della durata di tre minuti. Il servizio parlava della tradizionale vendemmia degli spaghetti nel Canton Ticino. Clamorosamente, numerosi telespettatori chiamarono la redazione per chiedere informazioni al riguardo. Lo scherzo riuscì alla grande dal momento che, a differenza di oggi, negli anni ’50 il consumo di spaghetti non era molto popolare nel Regno Unito. Per la CCN, fu il più grande scherzo storico di sempre.

Il mondo finisce domani alle tre

Era il 31 marzo 1940 quando gli ascoltatori della stazione radio KYM di Philadelphia, udirono un messaggio agghiacciante: “Le tue peggiori paure sulla fine del mondo sono state confermate dagli astronomi del Franklin Institute di Philadelphia. Il mondo finirà domani alle tre del pomeriggio… questo non è uno scherzo del 1 aprile”.  Fortunatamente, poche ore dopo arrivò la smentita e gli americani poterono tirare un sospiro di sollievo.

YouTube e i video al contrario

E tra gli storici pesci d’aprile, come non menzionare quello fatto alcuni anni fa da una delle piattaforme web più utilizzate al mondo. Era esattamente il 2009 quando YouTube, decise di prendersi gioco dei suoi utenti. Per un giorno intero, tutti i video del sito si vedevano al contrario. I manager dell’azienda si giustificarono così: “I monitor moderni offrono una migliore qualità di immagine quando vengono capovolti, un po’ come i materassi, che è consigliabile girare ogni sei mesi”. La cosa che fa più ridere è che alcuni utenti … lo fecero davvero!

Il traduttore per animali di Google

Hai mai sentito parlare del pesce d’aprile di Google? Nel 2010, la colossale azienda statunitense ha pianificato uno scherzo divertentissimo ai danni dei suoi utenti, ideando e lanciando il primo traduttore per animali. Chissà come sarebbe stato divertente tradurre i pesci…

Fonte foto: Pexels

Commenti

comments