DISBANDED: vestirsi di arte e di sorrisi

A Milano Fashion Week ha sfilato per la prima volta Disbanded, impresa creativa di Tania Mazzoleni e Sara Digiovanni. (Foto cover di Cristina Barbaro)
Disbanded - foto Cristina Barbaro

Che differenza c’è fra la moda e l’arte? Nessuna, se parliamo di Disbanded, il nuovo marchio nato dall’inesauribile creatività di Tania Mazzoleni, fondatrice di MAD Zone e da sempre alla continua ricerca di stimoli espressivi da indossare, e Sara Digiovanni, artista che ha convogliato il proprio tocco pittorico sui tessuti, lavorando negli anni con i più grandi marchi, per portare la bellezza nel quotidiano di ciascuno.

GUARDA ANCHE: Se la moda non è arte, è l’arte a farsi moda

Disbanded ha presentato la sua prima collezione durante Milano Fashion Week con una sfilata fantasmagorica nell’ambito di MAD Mood, che ha trasformato lo splendido cortile di Palazzo Turati, nel cuore di Milano, in un mondo fiabesco con un guizzo in più.

Tania Mazzoleni e Sara Digiovanni hanno infatti chiamato a raccolta le eroine che popolano l’immaginario contemporaneo delle bambine di tutte le età e le hanno rese protagoniste di ogni abito facendo però loro un insolito regalo: un po’ di vacanza!

ph. Roberto Biavaschi
ph. Roberto Biavaschi

La collezione si chiama Off Duty Icons: qui anche le eroine si rilassano, escono dal ruolo e si reinventano nella parte che piace loro di più, come ogni donna, senza nessun bisogno di aspettare un (magari improbabile) Principe Azzurro.

Le stampe originali sui tessuti sono il cuore della collezione Disbanded, veri e propri messaggi d’autore da indossare per raccontare a sé stesse e a chi guarda la propria forza di donne vestite di ironia. La sfilata è stata arricchita da collaborazioni preziose che hanno aggiunto un’ulteriore quota di sogno: i cappelli di Pasquale Bonfilio, le borse di 13Ricrea e i bijoux di Simona Girelli.

Commenti

comments