“Tuo, Simon”: tutti meritano una grande storia d’amore

“E allora ripercorro tutto dall’inizio, da agosto, e leggo tutto. Gli oggetti delle email. Ogni riga di ogni email. Non ho idea di chi sia. Nessun cavolo di indizio. Ma mi sa che mi sto innamorando di lui.”

Simon (interpretato da Nick Robinson) ha diciassette anni e un amore segreto per Blu, un ragazzo conosciuto su un forum scolastico online con cui inizia un’intensa e tenera corrispondenza. Tutto va bene fino a quando un’email non finisce nelle mani sbagliate: quelle di Martin (Logan Miller), il bullo della scuola, che minaccia di rivelare a tutti il suo segreto… a meno che Simon non l’aiuti a conquistare Abby (Alexandra Shipp), la classica ragazza di cui tutti vorrebbero essere amica e di cui è innamorato. Per proteggere il suo amore, nella speranza di incontrarlo di persona finalmente, Simon dovrà affrontare la paura di esporsi, trovando il coraggio di rinunciare alle proprie sicurezze per fare spazio alla bellezza e alla libertà di essere se stessi.

Questa bellissima e divertente storia sentimentale, in uscita in Italia il prossimo 31 Maggio, è tratta dal best seller di Becky Albertalli, che rivela a riguardo: “Quando ho scritto il libro facevo la psicologa. Avevo sempre desiderato scrivere, quindi ho deciso di provarci sul serio. Non so da dove sia nata l’idea della trama, ma questi personaggi mi ronzavano in testa da tempo. Ho lavorato con tanti ragazzi gay o transgender che sono indubbiamente fra le persone più coraggiose che abbia mai incontrato. Ho sempre rispettato la privacy dei miei clienti, ma inevitabilmente hanno costituito, per me, una grande fonte di ispirazione”.
Il film, diretto da Greg Berlanti, ha riscosso un grande successo di pubblico e critica in America e ci si aspetta che accada lo stesso qui in Italia. I temi principali affrontati sono l’amore, la ricerca della propria identità, l’amicizia e la famiglia, che per Simon si traduce nell’avere due genitori molto comprensivi, impersonati da Jennifer Garner e Josh Duhamel. Si tratta di un film unico per i toni comici con cui affronta questioni importanti, come rivelato dallo stesso protagonista Nick Robinson: “Non é palesemente un film gay. Parla di un giovane che attraversa un momento particolare, che cerca di trovare il suo posto nel mondo. Tutto questo è complicato dal fatto che sta cercando di comprendere la propria sessualità. Ma è anche molto divertente perché Simon riesce a trasformare le situazioni più deprimenti in momenti comici.”
Il regista Berlanti aggiunge: “Questa storia ricorda a tutti, etero e gay, di come erano a scuola, prima di diventare consapevoli di sé stessi.  Di cosa significa innamorarsi per la prima volta, di come si cerca di proteggere la propria privacy, di cosa significa avere gli amici del cuore e una famiglia che qualche volta è un po’ troppo presente”.
Uno dei temi principali di “Tuo,Simon” è comunque quello di vivere la propria verità e di imparare ad accettare se stessi. Spiega Greg Berlanti: “Non è mai troppo presto per essere chi sei veramente.  Ci sono tanti ragazzi che non fanno outing a scuola ma Simon viene costretto a farlo, a uscire dal suo guscio, ad accettare la sua persona, il suo vero io, a essere se stesso”.
Il film vuole dunque insegnare agli spettatori, soprattutto ai più giovani ad avere coraggio e a essere leali con se stessi. E più di ogni altra cosa, a non avere paura di amare, qualunque cosa questo significhi.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp