Mido svela i fattori che influenzano gli acquisti nel settore dell’eyewear

Il Mido. Luogo d’incontro, culla di ricerca, di presentazione-evoluzione dell’eyewear oltre che importante vetrina di trends.

at MIDO 2018, the Milano Eyewear Show, on February 25, 2018 in Milan, Italy.

Ma anche luogo di studio e sviluppo di ciò che sarà, di ciò che piacerà al pubblico. L’occhiale che si evolve quindi, tenendo conto di valori, luoghi e tendenze, tutti elementi che creano poi gli stili per indossarlo.

Il mercato quindi: con l’e-commerce e la personalizzazione come importanti trend che riguardano quello che è l’approccio dei consumatori.

GUARDA ANCHE: Andrea Dentoni-Arias: “Ecco i miei occhiali haute-couture!”

Tutto ciò è in breve quanto emerge da due ricerche presentate proprio durante la 48° edizione di questa manifestazione – la più importante a livello mondiale dedicata all’eyewear –  che si è appena chiusa a Milano.

Due importanti ricerche che raccontano quelli che sono i fattori fondamentali che influenzano gli acquisti nel settore dell’occhialeria, con le tipologie di consumatori futuri al centro dell’ultima ricerca di Future Concept Lab che analizza lo scenario mondiale, proprio per aiutare i creativi e le aziende a intercettare l’immaginario e i desideri del pubblico.

Il celebre sociologo Francesco Morace ha ammesso che cambiamenti economici e strutturali spostano i consumi, ma che soprattutto sono i valori e i luoghi che influenzano l’approccio all’acquisto: Nord, Sud, Est e Ovest del mondo hanno infatti sensibilità diverse che derivano da un background storico-culturale.

at Mido 2018, the Milano Eyewear Show, on February 24, 2018 in Milan, Italy.

Quanto alle tendenze invece, le parole chiave da tenere in considerazione sono ripetizione e neosartorialità: tutti gli ambiti dell’economia si nutrono infatti del tema del tailor-made, della personalizzazione, che hanno fatto sedimentare il desiderio di sentirsi unici. È per questo che, riporta la ricerca, l’industria si sta appropriando delle abilità artigianali e sta recependo il desiderio del ben fatto.

Su abitudini di acquisto e utilizzo di occhiali si concentrano invece i risultati dell’indagine semestrale OMO – Optical Monitor, sviluppata da GFK per MIDO e SILMO, nell’edizione di MIDO 2018 con un focus su Stati Uniti, Cina, Russia e Giappone.

La ricerca ha confermato la crescente importanza della personalizzazione dell’occhiale per i consumatori, con l’81% degli intervistati interessato a un occhiale che lo rappresenti e adatto alle proprie esigenze. Inoltre l’indagine rileva una crescita generalizzata dell’e-commerce (il 26% dei giovani americani sotto i 25 anni acquista gli occhiali da sole online), mentre per gli occhiali da vista mantengono la leadership i negozi di ottica, sebbene anche qui si possano sfruttare le opportunità del canale online (l’8% delle vendite sul web negli Stati Uniti e in Cina viene effettuato direttamente sui siti di vendita al dettaglio).

E proseguendo … l’esperienza è poi un nuovo tipo di offerta che integra prodotti e servizi: il 72% dei consumatori sostiene infatti che il canale retail sia il proprio punto di riferimento principale. Per l’occhiale da sole, invece, il 44% delle vendite è realizzato attraverso i canali della moda. Per quanto riguarda le tendenze, il design è estremamente importante per oltre un terzo degli intervistati e probabilmente, stando allo studio, il Cosmopolitan Trendy è lo stile che trainerà le vendite dei prossimi 12 mesi.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp