La scelta del nome del nuovo bebè spetta solo alla mamma

Secondo il dottor Raffaele Morelli la scelta del nome spetta solo alla mamma. No categorico dello psichiatra alla compartecipazione della scelta da parte del padre o dei nonni. Ecco le motivazioni.

La scelta del nome del futuro nascituro secondo il Dott. Morelli

Così il dottore, psichiatra e scrittore Raffaele Morelli si è espresso in diretta telefonica di RTL 102.5 (qui l’intervista completa), riguardo la scelta del nome del bambino. Il nome del bambino è in primo luogo un suono ed in quanto tale deve essere gradito a chi lo pronuncia; quindi la scelta spetterebbe a chi più lo pronuncia, cioè la mamma. Così spiega le motivazioni della sua affermazione l’eminente dottore che in conclusione afferma che solo e soltanto la mamma dovrebbe scegliere il nome del futuro nascituro.

la scelta del nome
La scelta del nome spetta solo alla mamma, parola del dott. Morelli

Nè papà, nè tantomeno i nonni dovrebbero essere coinvolti nella scelta in questo importante passo.

Inutile dire che l’affermazione del dott. Raffaele Morelli hanno suscitato non poche polemiche. Vero è che, come affermato, “ogni suono è una vibrazione dell’anima” e nessun rapporto può esser più profondo di quello creatosi nei nove mesi attraverso la gravidanza. D’altro canto non è ai papà che si può imputare la “colpa” di non vivere la gravidanza! La scelta del nome è comunque molto importante e pensare di escludere a priori i papà non è stato molto apprezzato…

E, se la scelta è esclusiva della futura mamma, sono banditi i nomi dei nonni, come tradizione vorrebbe.

Insomma il consiglio dello psichiatra è categorico, ma chi di voi lo applicherà?

Siete pronte a dire a tutti un bel “chissene” e difendere a denti stretti questa teoria?

Ma soprattutto siete pronte a dire al vostro partner che deve farsi da parte nella scelta del nome?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp