Darla o non darla al primo appuntamento? Anna e Marta si raccontano

Uno sguardo, un primo approccio, i primi ‘whatsappini’ e finalmente, il primo appuntamento! Ma… come la mettiamo con il sesso? Smollarla o non smollarla: questo è il dilemma! Se ti ha chiesto di uscire, sei già a metà dell’opera: non si sarebbe fatto avanti, se non fosse interessato! E del resto è chiaro che lo sia. […]

Darla o non darla al primo appuntamento?

Uno sguardo, un primo approccio, i primi ‘whatsappini’ e finalmente, il primo appuntamento! Ma… come la mettiamo con il sesso? Smollarla o non smollarla: questo è il dilemma!

Se ti ha chiesto di uscire, sei già a metà dell’opera: non si sarebbe fatto avanti, se non fosse interessato! E del resto è chiaro che lo sia. Lo capirebbe chiunque: i suoi sguardi non mentono, il linguaggio del corpo neanche.

Hai scelto l’outfit più adatto, il make up che valorizza i tuoi lineamenti e ora non ti resta che aspettare il momento in cui ti chiamerà per dirti:

Il primo appuntamento: fino a che punto spingersi

Ma facciamo un passo indietro. Dai, vuoi dire che non ci hai ancora pensato? Lui ti piace così tanto che chiederselo è lecito:

Senza stare a riflettere, ti diremmo, perché no. Ma l’esperienza ci ha insegnato che le cose non vanno proprio così…

La storia di Anna

Anna ci racconta di aver conosciuto Andrea in discoteca, in una di quelle serate in cui non aveva alcuna intenzione di porsi dei limiti. Dal primo timido approccio al primo bacio, sono trascorsi meno di 5 minuti, a cui è seguito uno spontaneo “Andiamo da me questa notte?”, il “sì” convinto di lei e infine una notte passionale.

Andrea non è sparito, anzi, ma ha contattato Anna esclusivamente di notte, un po’ brillo e dopo aver trascorso la serata con gli amici, situazione che comunque si è ripetuta a cadenza settimanale.

Ed è dopo una di quelle maratone di sesso, divenute ormai abituali, che Andrea sbotta:

Fu come un fulmine a ciel sereno. Una doccia fredda, anzi ghiacciata! Ma come? Lei si era data senza pensarci due volte, forse neanche due secondi. Gliel’aveva data. Punto. E lui, l’aveva inquadrata: Puttana. Punto.
Non ci sarebbe mai stata storia d’amore con Andrea, lei era solo quella da una botta e via.

Andrea è il classico omuncolo senza palle che vive permeato di pregiudizi, in cerca di una fidanzata santa che non lo soddisfa, da tradire puntualmente con donne disinibite che lo faranno impazzire a letto.

La storia di Anna ti fa capire, però, che purtroppo se un uomo ti interessa veramente, cedere alle sue avances troppo presto può essere un’arma a doppio taglio.

Capita però che la passione sia così travolgente da offuscare le sinapsi…

La storia di Marta

Marta ha conosciuto Marco a un party milanese, lui è un designer di gioielli bello, bellissimo, dannato ma molto sposato, lei è una web editor super impegnata e molto single. Tra di loro scatta subito la scintilla: sguardi intensi, il rincorrersi sui social, il primo bacio e poi la domanda fatidica:

Da quel primo appuntamento, consumato senza grandi preamboli, è nata una grande storia di amore e passione, che Marta ricorda ancora come fosse ieri, finita per tante ragioni ma non certo perché hanno consumato il loro primo rapporto sessuale così rapidamente. Anzi, il fare sesso in maniera intensa, con grande sintonia, li ha uniti più che mai.

Anna e Marta siamo io e te, Andrea e Marco sono gli uomini che incontriamo in questo caos che è la vita da single. Darla o non darla al primo appuntamento è come un terno al lotto, non puoi sapere a priori lui cosa potrà mai pensare ma, cara amica mia, lasciati trasportare solo dal tuo istinto. Hai voglia di fare l’amore con lui? Fallo e non pensarci. E se lui non ti prende seriamente, amen, volta pagina e cambia capitolo, un uomo che si ferma a questi dettagli, non è sicuramente l’uomo che fa per te.

Goditi ogni istante della tua vita come fosse l’ultimo: questa è l’unica chiave per la felicità… e forse anche per un orgasmo garantito.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp