Una tomba per le lucciole: il film di Isao Takahata arriva in Italia

In Italia, per la prima volta, il capolavoro di animazione nipponica di Isao Takahata: "Una tomba per le lucciole" previsto al cinema il 10 e l'11 novembre.

una tomba per le lucciole

Debutta per la prima volta nelle sale cinematografiche italiane il lungometraggio “Una tomba per le lucciole”, ritenuto uno dei lavori più importanti dello Studio Ghibli e definito un capolavoro realizzato da Isao Takahata, regista giapponese.

Sarà al cinema solamente per due giorni: il 10 e l’11 novembre, il film, cardine dell’animazione giapponese, è tratto dall’omonimo romanzo di Nosaka Akiyuki e racconta, in maniera piuttosto avvincente, la storia sulla guerra parallelamente alla storia sull’infanzia.

Non è possibile definire l’uscita del film come una prima visione assoluta, perché nei cinema giapponesi debuttò 27 anni fa: 16 aprile 1988.

La pellicola è ambientata nel 1945 nella città di Kobe e racconta la vicenda di due fratelli, Seita e Setsuko, rispettivamente e di 14 e 4 anni, che si ritrovano orfani di madre a causa delle incursioni aeree dei B-29 americani. Il padre, arruolato nella Marina Giapponese, non dà più notizie di sé e Seita decide di andare a vivere con la sorellina minore presso una zia.

Lì, le condizioni di vita non sono insostenibili per i due fratelli, così che Seita sceglie di spostarsi, sempre insieme a Setsuko, in una cava abbandonata in cui poter vivere un’esistenza serena; le scarse condizioni igieniche e la mancanza di cibo portano Setsuko alla morte e Seita, disperato, si lascia morire lentamente e senza reagire, abbandonando la vita terrena nella stazione di Sannomiya.

Si tratta di un lungometraggio animato che rimane nella memoria come straziante, intenso e struggente, perché riporta le conseguenza dei bombardamenti americani in una chiave realistica e contemporaneamente cruda e diretta, mostrando fiamme, distruzione e corpi morti, mente i due fratelli provano a vivere cercando un equilibrio familiare, come se la guerra non esistesse.

Isao Takahata (protagonista anche in “Heidi” e “Anna dai capelli rossi”) scrive e dirige “Una tomba per le lucciole” che è, inoltre, una pellicola firmata studio di Totoro, che torna alla macchina da presa dopo sei anni.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp