#VersoNord – day 2: tappa a Strasburgo e direzione Bochum

Secondo giorno di viaggio con tappa a Stuttgart e Strasburgo. Pranzetto francese al volo e poi ancora in strada per raggiungere Bochum.

La colazione per i tedeschi è un momemto della vita che, fosse per loro, non finirebbe mai. La tavola è imbandita da panini (tantissimi), salumi di ogni genere, briosche, burro, marmellate di ogni tipo, caffé (acqua color caffé), latte, formaggi e uova strapazzate. La sognavamo così, e invece nel baretto consigliatosi dalla vecchina di Stuttgart, troviamo personale antipatico e schivo, e un menu colazione molto più basilare. Ci accontentiamo di qualche uova strapazzata e di qualche panino con la marmellata. Ci laviamo la bocca con una bella sorsata d’acqua per togliere il sapore di quello che chiamano caffé e ci mettiamo in viaggio verso Strasburgo.

Siamo sempre senza navigatore e uscire dalle città è la cosa più difficile. Una volta entrati in autostrada non ci ferma più nessuno. Ci svegliamo con un vero caffé illy issimo e viaggiamo a velocità media di 130 km/h in direzione Karlsruhe, da dove poi imboccheremo lo svincolo per la Francia.

In macchina a Stuttgart
In macchina a Stuttgart

Ad aspettarci gli zii della mia compagna. Marc e Lucie: due persone meravigliose. Vengono a prenderci a Kehl e ci accompagnano fino a casa loro, dove ci aspetta un vero pranzetto francese: salsicce fini e lunghe, salsicce grosse e bianche, insalata di pomodori, insalata di cetrioli e insalata verde, il tutto accompagnato da vino della Provenza.

Visitiamo Strasburgo ed effettivamente ricorda molto le città tedesche. L’infuenza germanica è molto forte. Rimaniamo impressionati dalla grandezza del Parlamento Europeo e dalla quantità di fiori che adornano la città sui ponti e a fare da cornice ai canali.

Parlamento Europeo di Strasburgo
Parlamento Europeo di Strasburgo

Il tempo è poco. Per Bochum mancano ancora 450 km e vogliamo raggiungere la nostra meta prima che cali il sole. Marc ci consiglia di non prendere l’autostrada più ovvia “è noiosa, è sempre dritta”. Evitiamo la strada per Colonia e una volta giunti a Francoforte viriamo per Dortmund.

Imbocchiamo una strada a due corsie, alberata e avvolta da colline e rialzi, con panorami mozzafiato. Guidare e non distrarsi è difficile, soprattutto riuscire a mantenere il limite di velocità. Risolvo il problema impostando il controllo di velocità. La nostra Hyundai i20 ne sa una più del diavolo. Imposto un limite a 130 km/h e stacco il piede dal pedale dell’acceleratore. Mi rilasso, osservo il panorama qualche volta in più e l’auto ci porta fino a Bochum.

Ci accorgiamo immediatamente che qui sì, fa freddo. Per fortuna che prima di partire abbiamo fatto scorta di felpe e giacche autunnali e soprattutto di calze per i nostri piedini. Rigorosamente firmate Gallo. Il nostro italian style deve seguirci ovunque.

Dopo due giorni di guida. Oltre 1.000 Km in due giorni e 7 tappe, domani ci riposeremo un po’ di più, dando priorità agli aspetti gastronomici della regione della Ruhr.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp