Snoop Dogg arrestato in Svezia: il rapper contro la polizia: “razzisti”

Brutta esperienza per il rapper americano Snoop Dogg. Arrestato in Svezia per guida sotto l'effetto di stupefacenti, si scaglia contro la polizia svedese giudicandola "razzista".

La sua rabbia attraverso il web. Dove senza peli sulla lingua (o come aspettarseli da un rapper di questa dimensione globale) giudica “razzista” la polizia svedese e giura: “mai più in Svezia”. E’ successo tutto a seguito del concerto a Uppsala. Il rapper americano Snoop Dogg stava guidando la sua auto quando è stato fermato dalla polizia, che ha constatato che il musicista stava guidando sotto l’effetto di stupefacenti, e dopo un controllo delle urine è stato subito rilasciato.

Il racconto di Snoop Dogg è un po’ diverso. Sul web racconta di essere stato fermato e immediatamente arrestato senza aver fatto nulla e portato in caserma per accertamenti. Un video girato dallo stesso rapper testimonierebbe il tutto. L’unico problema è che non proverebbe o meno l’assunzione di droghe…

Noi stiamo con la polizia svedese, perché troppo spesso si è testimoni di incidenti purtroppo portali dovuti a non adeguate condizioni di guida. Le droge, ma anche l’alcol, dovrebbero stare lontane dal volante. Siamo certi che Snoop Dogg avrebbe potuto permettersi un taxi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp