Michael Jackson: rivelazioni shock del medico

Una morte che rimarrà per sempre avvolta dal mistero quella di Michael Jackson. Il suo medico, uscito dal carcere poche settimane fa, parla al Daily Mail e rivela di essere innocente.

E’ stato rilasciato il medico che aveva in cura Michael Jackson. Conrad Murray ha parlato con il Daily Mail e ha confermato al giornale di non essere stato lui a somministrare a Michael la dose letale che ha causato la sua morte a giugno 2009.

Murray ha detto: “Penso che si sia svegliato, abbia preso il Propofol dalle sue scorte nascoste e se lo sia iniettato da solo. Lo fece troppo velocemente e andò in crisi cardiaca. Quando lasciai Michael aveva un battito normale e i segnali vitali erano buoni. Uscii dalla camera perché non volevo disturbarlo. Quando ritornai capii immediatamente che non respirava, ma non mi feci prendere dal panico. Tastai l’inguine e la carotide ma non c’era battito. Inizia quindi il massaggio cardiaco, ho resuscitato migliaia di persone. Era mio amico, certo, ma mi sono comportato da medico“.

L’uomo visibilmente provato continua dicendo: “Eravamo una famiglia, ci amavamo come fratelli. Gli ho voluto bene, gliene voglio ancora e gliene vorrò sempre. Michael non si fidava di nessuno. La camera puzzava perchè non permetteva neanche alle cameriere di pulire, c’erano vestiti sparsi ovunque. Una volta lui mi guardò e mi disse ‘Sai, per il resto della tua e della mia vita i nostri nomi saranno inseparabili’. Gli chiesi cosa volesse dire e sorridendo rispose ‘Sono un chiaroveggente’“. A.R.

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter di FASHION TIMES

Conrad Murray

Conrad Murray (Photo: telegraph.co.uk)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp