Viaggio nel magico mondo dei profumi

“Chi domina gli odori, domina i cuori degli uomini” (tratto dal best-seller “Le Parfum” di Patrick Suskind). Seduzione, estasi dei sensi e raffinatezza, i profumo creano in ognuno di noi immagini e ricordi che tramandiamo per anni associandoli ai profumi che ci avvolgevano in quegl’attimi. Le origini del profumo risalgono a più di 6000 anni fà e tutto iniziò con la civiltà egizia dove ricopriva un ruolo religioso.

A cura di Amelia Russo



“Chi domina gli odori, domina i cuori degli uomini”
(tratto dal best-seller “Le Parfum” di Patrick Suskind).


Seduzione, estasi dei sensi e raffinatezza, i profumi creano in ognuno di noi immagini e ricordi che tramandiamo per anni associandoli ai profumi che ci avvolgevano in quegl’attimi.

Le origini del profumo risalgono a più di 6000 anni fa e tutto iniziò con la civiltà egizia dove ricopriva un ruolo religioso. Infatti la parola profumo deriva dal latino “per fumum” che significa “attraverso il fumo” dato che i primi aromi si trovavano sotto forma di incensi da bruciare per gli dei. Attraversando i secoli viene abbandonata questa funzione religiosa per sbilanciarsi sempre di più verso un uso profano e quotidiano.

Oggi esploreremo solo una parte della lunga storia del profumo e ci addentreremo  nei vicoli della piccola città medievale francese, nota per le sue profumerie antichissime: Grasse. Situata a Sud della Francia, l’attività principale era la lavorazione delle pelli che si è poi trasformata in produzione di guanti. Al XVIII° secolo le “guanterie” si trasformano in “Profumerie” per esigenze commerciali. Le essenze, base di ogni profumo, crescevano naturalmente sulle colline circostanti: tuberosa, narciso, rosa e mimosa in abbondanza e il gelsomino, originario dei paesi asiatici, si acclimato rapidamente alla zona. In poco tempo, Grasse fu riconosciuta Capitale della Profumeria Mondiale.

Dal fiore al profumo, tante tecniche diverse per l’estrazione seguita dalla parte creativa e più poetica che assume il profumiere, o meglio usando un termine più accurato “il naso”. Dal suo “organo” composto all’incirca da 2000 prodotti di base, mischia tra di loro le note e dà vita così alla creazione finale che andrà poi a servire di base a un profumo, un’acqua di toilette o di cologna o ancora un sapone.

Basta con la tecnica, facciamo ora una panoramica sulle più importanti profumerie che questo meraviglioso entroterra della Costa Azzurra ci offre.

Tre grosse “maisons” propongono oggi le loro creazioni e ci fanno viaggiare con note profumate attraverso oceani e continenti.


La più antica tra tutte è la Profumeria Galimard (www.galimard.com), fondata da Jean di Galimard nel 1747. Fondatore della Corporazione dei guantai-profumieri, procurava alla Corte di Re Luigi XIII gli oli d’oliva, unguenti e profumi dei quali inventò le prime formule. Più di 260 anni dopo, Galimard ci regala ancora emozioni e porta avanti la tradizione del suo creatore. Dalle fragranze orientali a quelle floreali passando per i profumi, le creme e  profumi per la casa; la gamma offerta da Galimard è molto vasta e completa.

Tanti nomi che ci fanno sognare come “Lapis Lazuli” con note di pesca, lamponi, violette e ylang, “A Demi-Mot” più orientale con rosa, fiori d’arancio, ambra, vaniglia e muschio, o ancora il profumo “Shantoung” per una donna sensuale e accattivante.

A Demi-Mot
Shantoung




Oli di massaggi, cofanetti con vaporizzatori antichi da riempire con la vostra fragranza preferita e ancora tante proposte per profumare con una dolce aroma la vostra casa.

Inoltre visitando la profumeria avrete la possibilità di partecipare ad un laboratorio di creazione “Boutons de rose” dove vi vengono spiegati i passi per la creazione di un profumo e in seguito realizzate la vostra propria fragranza assistiti da esperti creatori.


Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp