Le regole per utilizzare lo smartphone nel modo corretto

Lo smartphone è ormai parte integrante della nostra vita. Senza, infatti, la nostra vita non sarebbe la stessa visto che questo strumento ha quasi soppiantato del tutto tablet e affini e viene utilizzato per qualsiasi tipo di attività.
come prendersi cura dello smartphone

Basti pensare al mondo dell’informazione che corre veloce sulle ali dei social network oppure al mondo del lavoro, fino ad arrivare al gioco online e all’utilizzo delle piattaforme che vengono recensite su freespingratis.it.

Spesso, però, il rischio di diventare dipendenti dallo smartphone è forte. Ecco perché è importante seguire alcune semplici regole per utilizzarlo nel modo corretto.  Secondo diversi studi ogni giorno un utente medio visualizza lo schermo del proprio smartphone almeno 150 volte. Spesso solo per riflesso incondizionato e non per svolgere una vera e propria azione.

Un continuo controllare le notifiche, dal telefono ai vari servizi di messaggistica presenti sui computer, che abbassa notevolmente la nostra soglia di attenzione. Durante la formazione o il lavoro. Si calcola che più o meno ogni tre minuti una notifica interrompa la nostra routine, e necessitiamo di circa un minuto per riprendere la giusta concentrazione. Una vera e propria overdose digitale e spesso quando siamo lontani dai nostri dispositivi non ci sentiamo a nostro agio.

Il digital detox

Per non correre il rischio di diventare dipendenti dallo smartphone è nato il digital detox. Si tratta di una sorta di dieta alimentare, come quella che seguiamo per dimagrire o per cambiare il nostro stile di vita. Solo che non riduciamo carboidrati e grassi ma l’uso, in maniera graduale, dei vari dispositivi elettronici, dallo smartphone al computer, passando per tablet ed e-book. Con il tempo è uno dei metodi più efficaci per ridurre lo stress e soprattutto per controllare le dipendenze da smartphone, app o social network. I vantaggi del digital detox sono molteplici, sia fisici che mentali. Ammettere di avere bisogno di una “pausa” dal mondo digitale poi è il primo passo da fare. Sottovalutare il fenomeno è già un sintomo. È inutile, infatti, nascondersi, tra lavoro e intrattenimento la maggior parte di noi potrebbe aver bisogno di un periodo di disintossicazione.

Gli esperti, ad esempio, consigliano di stabilire delle free zone. Ovvero dei contesti particolari dove evitare il più possibile l’uso di smartphone o device mobile. Per esempio durante le uscite con il proprio partner oppure le serate con gli amici. Ma anche mentre giochiamo con i nostri figli o andiamo a trovare dei parenti. Riuscirci può sembrare banale ma se siamo assuefatti da notifiche, messaggi e e-mail all’inizio non sarà per niente semplice. Possiamo usare dei piccoli espedienti per evitare di guardare lo schermo dello smartphone. Usiamo per esempio un orologio digitale e quando sentiamo il bisogno di prendere il telefono guardiamo lo schermo dell’orologio.

Esistono poi diverse applicazioni ed estensioni per browser, infatti, che limitano il nostro accesso al web o ai social network in base a delle impostazioni scelte da noi. Se usiamo spesso Chrome una delle migliori app per evitare di sprecare troppo tempo su Internet è Stayfocusd. Questa si può scaricare e installare in maniera gratuita da Chrome Web Store.

Come prendersi cura dello smartphone

Usandolo nel modo giusto lo smartphone può essere un valido alleato nella nostra quotidianità. Per prendercene cura dobbiamo installare sempre gli aggiornamenti. ’è un’abitudine comune a non aggiornare lo smartphone nonostante le varie notifiche di disponibilità update ricevute. Grave errore perché un sistema operativo aggiornato protegge da minacce esterne, corregge errori e bug e migliora l’efficienza generale. Stesso discorso per le singole applicazioni.

Molto importante è il fattore della memoria interna che è meglio tenere un po’ snella e non zeppa di file spesso inutili. Poggiarsi al cloud storage è la soluzione più semplice e gratuita così da non sovraccaricare troppo il lavoro quotidiano. Eseguire regolari backup mette al sicuro i dati e ci si deve sempre ricordare di cancellare tutto ciò che è inutile, soprattutto app e giochi inutilizzati.

Per quanto riguarda la batteria è consigliabile evitare di esporla a temperature estreme, soprattutto sotto la diretta luce del sole o in luoghi molto caldi. Evita di attaccare e staccare il caricabatterie senza una ragione precisa durante il giorno, ma – se puoi – carica soltanto quando necessario. Usa cavi originali o comunque di qualità: risparmiare qualche euro non vale la pena in questo caso. La base più immediata per prenderti cura della batteria è quella di disattivare tutte le funzioni non in uso come il gps, il bluetooth, l’nfc o il wi-fi. Di più: se si è in una zona con poco servizio e non si è nella situazione di dover ricevere una chiamata impellente si può anche impostare la modalità aera finché si ritorna in una zona più coperta.

Fonte foto: Photo by Adrianna Calvo from Pexels

Commenti

comments