Turismo ecosostenibile: perché ridurre il proprio impatto viaggiando a partire dalle proprie abitudini

Sostenibilità e cura per l’ambiente: due termini che ormai dovrebbero essere ben chiari nelle menti di tutti noi, tanto da esser visti come una priorità assoluta per salvare l’ecosistema del pianeta che ci ospita.

(fashiontimes.it) turismo ecosostenibile

Di frequente, però, pensiamo di adottare dei comportamenti virtuosi e invece facciamo l’esatto contrario. In molti casi questi comportamenti sono involontari, perché l’inquinamento spesso si nasconde in molti aspetti che sottovalutiamo, come nel caso dei nostri atteggiamenti durante le vacanze.

Vediamo dunque come viaggiare riducendo il nostro impatto sul pianeta, nell’ottica di un turismo che possa dirsi realmente ecosostenibile.

Vacanze, inquinamento e sostenibilità

Le tradizionali vacanze fanno bene a noi, ma arrecano parecchi danni alla natura e al pianeta. Il turismo di massa, non a caso, rappresenta una delle maggiori piaghe per la salute dell’ambiente, e ogni anno produce danni incalcolabili. È un discorso che riguarda ad esempio i voli aerei, che contribuiscono per il 2% al totale di emissioni nocive di biossido di carbonio. Anche le notti trascorse in albergo pesano sull’ambiente, per via del consumo sfrenato di risorse energetiche. Per non parlare di tutti i rifiuti che produciamo durante le vacanze e che non ci curiamo di smaltire nel modo corretto.

Per questo è possibile, e forse anche necessario, dare il via ad una nuova modalità di viaggio: una sorta di ecoturismo che tenga in considerazione non solo il nostro divertimento, ma anche le esigenze del pianeta. Così eviteremo di allinearci ai business models del turismo di massa, che ci spingono naturalmente verso il consumo e il dispendio energetico. Al punto che, stando alle stime fatte dal Programma ambientale delle Nazioni Unite, il 14% annuo dei rifiuti solidi viene prodotto proprio dal settore turistico.

Le opportunità date dall’ecoturismo

Questo nuovo sistema di viaggiare deve partire in primis dalle nostre abitudini. Una buona abitudine ecologica da adottare durante le vacanze è, in primis, quella di risparmiare energia anche quando siamo in albergo, spegnendo le luci quando non servono. Inoltre, si consiglia di moderare la produzione di rifiuti difficilmente smaltibili, e di fare sempre e comunque la raccolta differenziata, anche in viaggio.

Per fare un ulteriore esempio, si pensi ad un viaggiatore fumatore, che in molti casi disperde le cicche nell’ambiente. In questo caso si può risolvere semplicemente optando per una sigaretta elettronica: una versione più sostenibile che non sporca le città e non inquina i mari, evitando altresì i divieti di quelle località balneari presso le quali è stato proibito il fumo delle sigarette. Una questione talmente sentita che recentemente è anche stata creata una proposta di legge per estendere questo divieto a tutta l’Italia.

Un altro suggerimento riguarda il consumo di alimenti a chilometro zero, e la mobilità eco-friendly: dunque l’uso di biciclette (laddove possibile) e il noleggio di auto ibride o elettriche.

Seguendo i consigli di oggi, tutti possiamo goderci una sana vacanza ecosostenibile, riducendo l’impatto sul pianeta, ma senza rinunciare al divertimento del nostro viaggio.

Fonte foto: Pexels

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp