Quest’estate, non importa se in spiaggia o in barca, si posa così, in punta di piedi come se si indossasse un sandalo tacco 12. Per riscaldare ancora di più il clima e incrementare il feed di Instagram ecco farsi largo un nuovo trend, quello dell’upsidedown bikini, in poche parole, il bikini indossato sottosopra, al contrario. Si tratta di un “trucco” che consiste nell’allacciare la parte sopra del bikini al rovescio.

L’idea è stata inizialmente promossa dalla modella e influencer bergamasca Valentina Fradegrada, oggi intenzionata a lanciare una propria linea di beachwear che aderisca al meglio al trend. Non c’è che dire: l’effetto del reggiseno allacciato al contrario è davvero sexy, e ha il non trascurabile vantaggio di far guadagnare una taglia di seno a chi lo indossa, di ottenere un’abbronzatura uniforme e di dire addio agli inestetici segni dei laccetti.

Questo nuovo metodo di indossare il costume si è imposto a partire dalla scorsa estate. Il trend si è diffuso a macchia d’olio contagiando le ragazze di tutto il mondo; il merito va anche ad alcune delle più famose star e influencer, tra cui Adriana Lima e Kourtney Kardashian, che hanno abbracciato questa moda.

Le VIP in costume dettano insomma le tendenze anche in tema di beachwear, influenzando, con le loro scelte, i flussi di ricerca. Regina indiscussa dell’estate 2018 è Kim Kardashian: il bikini rosa indossato e postato in una foto su Instagram durante le vacanze trascorse lo scorso aprile ai Caraibi ha generato un incremento sulla ricerca “bikini rosa” del 109%.

E se le tendenze per la moda mare dell’estate le dettano le influencer, ecco alcuni dei più in voga e apprezzati per fare un pieno di like sui social network. Per un look Anni Novanta alla Pretty Woman, bisogna tenere d’occhio il brand Hunza G, tanto amato da Rihanna, immortalata a bordo piscina con un costume intero in tessuto giallo spugnoso. The Coast Capri Swimwear è il marchio per chi ama lo stile retrò, reinterpretato in chiave moderna.

Ma questa è anche l’estate in cui dare libero sfogo alla fantasia, dalle stampe a righe, a quadretti fino al fashion fruit di Banana Moon. Da portare con ironia e senza eccessi, i costumi con ananas, ciliegie e angurie sono un must da mettere in valigia. Si pensi che la parola chiave “watermelon” ha riscontrato un incremento del 140% durante lo scorso anno sul motore di ricerca interno di Lyst, una piattaforma di ricerca dedicata all’e-commerce di moda.

Dal bikini al contrario ai costumi più tradizionali, sono sempre le swimming influencer a dettare le tendenze su Instagram. I numeri raggiunti dal segmento del beachwear sono davvero elevati. Si pensi che, secondo il Consumer Tracking Service del Gruppo NPD, società che si occupa di ricerche di mercato, le vendite al dettaglio di costumi da bagno negli Stati Uniti si aggiravano intorno ai 3,6 miliardi di dollari quando Instagram è stata lanciata nel 2010.

Lo scorso anno sono aumentate a 4,6 miliardi, con un tasso di crescita medio annuo del 3,2% circa. E il ritmo continua drammaticamente ad aumentare, se si pensa che, stando agli ultimi dati disponibili fino a maggio, le vendite di costumi da bagno negli Stati Uniti sono cresciute con un tasso medio annuo del 10%. Il merito di questo successo? È stato raggiunto grazie anche al contributo dell’Influencer Marketing, e alla sua reale capacità di creare engagement.

Foto da Instagram di Valentina Fradegrada