Expo 2015 Milano: qualche trucco per sopravvivere in città

Expo 2015 Milano visto dagli occhi dei milanesi. Tra traffico, ristoranti pieni e qualche problema con l'inglese, ecco qualche consiglio per sopravvivere all'Esposizione Universale.

Personalmente sono circa 12 mesi che ci penso: ma l’Expo, quali nefaste conseguenze porterà sulla mia vita quotidiana da milanese di adozione (anche un po’ imbruttita)? Le domande e i quesiti che si sono insinuati nella mia mente sono: troverò posto nei ristoranti (a parte quelli che ho nominato nella mia top ten, sono cliente fissa lì, e vuoi che non mi trovino una sedia?)? Dovrò fare un mutuo ogni volta che prendo un taxi perché ci sarà un traffico pazzesco (sempre che mi carichino considerato il putiferio che ho scatenato con il mio ultimo articolo)? Con tutti gli eventi che ci sono in città, come farò a destreggiarmi tra quelli organizzati da me e quelli a cui sono invitata? E così via… Non sono problemi mica da poco!

TRAFFICO
Automobile, Taxi, Uber, autista privato, mezzi pubblici, scooter e bicicletta… in realtà l’unico modo per sopravvivere agli ingorghi cittadini sarebbe avere un elicottero. Essendo giunta alla conclusione che no, un elicottero non entra nel box di casa mia e che comunque è sempre un mezzo di trasporto, quindi potrebbe creare traffico nel cielo sopra Milano, la cosa migliore è andare a piedi. Vedetela sotto questo punto di vista: è un investimento per la propria salute fisica e mentale.

Fisica perché camminare dicono sia tanto salutare, altro che GAG in palestra! Mentale perché eviti di diventare come Michael Douglas in “Un giorno di ordinaria follia” bloccato nel traffico di Los Angeles. Quindi ai piedi un bel paio di MBT, ma nella borsa scarpe con il tacco, sempre!

RISTORANTI
E qui il dramma! Ma vi pare? Io che sono a cena fuori una sera sì e una sera sì, come faccio? Ho assistito personalmente a una telefonata tra Cristiano, di un noto ristorante meneghino, e la segretaria di un manager di un’azienda di non so dove, che voleva fare delle prenotazioni per 10 serate… argh!!!

Super lampadina di genio di Archimede: almeno per il weekend, che ovviamente inizia il mercoledì e termina la domenica, prenotare tutti i ristoranti prescelti per 15/20 persone (in meno non ci muoviamo!) fino al 31 Ottobre! Fortunatamente conosco molti, ma non tutti, i proprietari, gestori, camerieri, cuochi della maggior parte dei “refettori” meneghini e spero di avere una corsia preferenziale! E via alle telefonate!

EVENTI
No, va beh, ma avete presente la moltitudine di eventi, ufficiali o meno, che invadono le vie della nostra città? Fate conto che di alcuni ne seguo l’organizzazione anch’io, per cui il delirio di: trovare la data giusta in base agli altri eventi presenti quello stesso giorno, scegliere la location adatta e ovviamente quella che piace a te è già occupata, chiamare dj, catering,… Per questo problema, non c’è soluzione: l’unica via di uscita è stata quella di affidarmi al mio fiuto di PR e sperare nel santo protettore delle Relazioni Pubbliche.

Destreggiarsi e decidere a quale evento partecipare, invece, è molto più complicato perché, sfortunatamente, a parte nostro Signore, nessuno di noi è Uno e Trino allo stesso momento. Mancando di questa virtù, oltre al fatto di non sapere esattamente quanti e quali cocktail, presentazioni, show,… ci sono, ho deciso di scaricare l’App di Expo2015, ma soprattutto di Expo in Città. Sempre sul pezzo!

SHOPPING
Sì, shopping, sopratutto nel periodo Expo quando iniziano i saldi estivi e poi ci sono le anteprime della prossima stagione, a settembre e a ottobre quando si ha voglia di rinnovare il guardaroba! Già me li vedo, orde di persone (soprattutto orientali, che ne hanno da spendere) in coda fuori dai negozi e tu, tu non puoi neanche avvicinarti alla vetrina. E son problemi, soprattutto se sei alla ricerca di qualcosa di speciale proprio per l’evento del secolo (vedi sopra).

State pur certi che la fashion addicted che è in me ha già trovato la soluzione, che in realtà non è una così grande novità perché ormai tantissimi ne fanno uso… mi devo “webbizzare” un po’. Penso che abbiate già capito! Shop online! E non so se avete notato, adesso è possibile anche acquistare sulle pagine di Facebook! Anche il social network più famoso al mondo ha voluto aiutare noi, fashion addicted “vittime” di Expo!

ENGLISH
Già siamo partiti male con le varie indicazioni (una su tutte… ) scritte in un inglese maccaronico, cerchiamo almeno noi mortali cittadini, che vaghiamo per la città come possibili bersagli di coloro che si sono persi e che hanno bisogno di informazioni e che non parlano la nostra amata lingua italiana, di essere preparati a rispondere in maniera abbastanza, dico abbastanza, accettabile in inglese, linguaggio universale per eccellenza.

Quindi se non siete un granché nelle lingue e se alle superiori non raggiungevate la sufficienza, c’è un’alternativa al vetusto dizionario tascabile e alla frase “I don’t speak english” per togliersi da qualsiasi imbarazzo.

L’alternativa si chiama iTranslate che, come tutte le App che gli somigliano, traduce in maniera simultanea dall’italiano ad altre lingue! Già scaricata?

Non so, a voi viene in mente altro? Se per caso mi sono dimenticata qualcosa, vi prego, aggiornatemi, perché non vorrei andare incontro ad un attacco d’ansia senza avere la soluzione a portata di mano!

Commenti

comments