Le regole per tenersi un amante

Il punto di vista di Lucia Del Pasqua sui sempre più diffusi siti per incontri extra-coniugali. Uno di questi ha anche stilato una lista di consigli per vivere un "rapporto sano" con l'amante.

Il sito Incontri-Extraconiugali.com ha redatto una ricerca, che a me personalmente fa venire i brividi

Il web non smette mai di stupirmi. Pensavo Tinder fosse l’ultimo ritratto malato delle relazioni umano-virtuali, e invece no, il morbo virtuale colpisce ancora, e continuerà a colpire per un bel po’, ne sono più che certa.

Esiste un sito, nello specifico il portale di riferimento per fedigrafi, che si chiama Incontri-Extraconiugali.com, che ha redatto un elenco di regole da seguire per tenersi un amante, perché una relazione extraconiugale, al pari di qualsiasi altro rapporto, necessita di particolari accortezze per essere conservata e ravvivata nel tempo.

Prima di elencarvi le regole della ricerca, faccio una premessa: non sono bigotta, il tradimento esiste, in certi casi forse può pure aiutare la coppia, ma sono assolutamente contraria all’esistenza di questo genere di siti, specie se dispensano consigli su come tenersi un amante, ed hanno come immagine di copertina una donna con la fede.
Manca di rispetto.

Ed ora veniamo ai contenuti dell’indagine, che copio e incollo così come mi sono stati mandati.

La prima regola, secondo il 23% degli intervistati, è non ossessionare il proprio amante con eccessive richieste di attenzioni. Una relazione fedifraga, per sua natura, non dovrebbe mai richiedere obblighi: l’ideale è sempre cercare di vivere un rapporto di questo tipo con serenità e approfittare in prima persona degli spazi di libertà che offre.

Al secondo posto, con il 20% delle preferenze, mai essere gelosi del coniuge ufficiale. Essere amanti significa avere accesso a qualcosa di diverso del rapporto coniugale: si coglie solo il bello della relazione minimizzandone al massimo le controindicazioni, quindi non c’è proprio nulla da invidiare alla propria “controparte” legittima. Non bisogna mai cadere nell’errore di pensare che essere contenti della propria condizione di amante significhi, in alcun modo, accontentarsi.

Il 18% degli intervistati invece suggerisce di non svelare mai tutto e non concedersi totalmente al proprio amante: è sempre bene tenere a mente che per mantenere un rapporto fedifrago è necessario tenere alta la tensione e il mistero, altrimenti la relazione diventerebbe in breve tempo… un matrimonio!

Regola numero quattro: ascoltare. Il 15% degli iscritti ritiene che, molto spesso, chi cerca un amante ha bisogno di qualcuno con cui sfogarsi liberamente senza necessariamente ottenere futili consigli per venire a capo dei propri problemi. Spesso infatti di questi consigli, non sempre graditi, se ne ricevono fin troppi sotto il tetto coniugale!

Mantenere viva la passione: naturalmente l’aspetto fisico resta basilare nella conservazione del rapporto extraconiugale, in questa lista al quinto posto con il 13% delle preferenze. Bisogna sempre fare la propria parte per mantenere la trasgressione della relazione ed evitare di cadere nell’abitudine. Se anche al di fuori della coppia ufficiale viene a mancare la chimica sotto le lenzuola è solo questione di tempo prima di vedere il proprio amante volgersi altrove alla ricerca di nuove avventure.

Sesta regola: non cercare a tutti i costi di convincere il partner a lasciare il coniuge. Se si sceglie di frequentare una persona impegnata in una relazione stabile non bisogna cercare di cambiare a tutti i costi la sua condizione, questo sarebbe deleterio nell’8% dei casi. Se poi l’avventura fedifraga dovesse evolvere in qualcosa di diverso, lo farà naturalmente senza bisogno di insistenze o pedanterie.

Regola numero sette: non esagerare con i regali. Chiaro che un dono è sempre gradito, ma sempre meglio non farne troppo spesso e scegliere eventualmente oggetti non facilmente riconducibili a contesti extraconiugali per minimizzare il rischio di essere scoperti dal coniuge, il che porterebbe secondo il 3% degli intervistati a una brusca interruzione della nostra avventura.

L’ultima e forse più importante regola da aggiungere a questo elenco di buone pratiche suggerite dai nostri iscritti” aggiunge lo staff del portale, “è non cercare di tenersi l’amante a tutti i costi: un incontrovertibile lato positivo dei rapporti extraconiugali consiste proprio nella maggiore libertà di essere se stessi senza obblighi o costrizioni. Se questo non dovesse bastare a mantenere la relazione fedifraga poco male: perso un amante, se ne può sempre trovare un altro”.

E a questo punto raccatto la mascella che nel frattempo m’era caduta: ma davvero sentivamo l’esigenza di leggere delle norme su come mantenere un amante, eleggendo il tradimento come norma di sopravvivenza e senza tener conto del rispetto di persone terze?

Perché io sono sotto shock. Tutto ciò appartiene alla filosofia del “pur che se ne parli?”, oppure la cosa “è seria”?
In entrambe i casi è semplicemente assurdo e ridicolo.

Commenti

comments