Léa Seydoux: il flop e il top in materia di look!

La chiamano la “Scarlett francese”. Dopo un timido esordio, l’attrice francese gioca ormai nel “cortile dei grandi” interpretando ruoli importanti come l’ultimo in data ne “La Bella e la Bestia” accanto a Vincent Cassel. Un viso da bambola, e quel appeal da Lolita che ultimamente ha “provato” vari cambiamenti di look. Scopriamo i sì” e i “no” di Léa Seydoux.

La sua ascesa nel mondo del cinema sembra essere senza fine. Dopo essere stata scelta da Woody Allen per Midnight in Paris, e dopo l’esordio a Cannes con La Vita di Adèle, la giovane figlia d’arte (il nonno non è altro che il Presidente di Pathé, mentre il pro-zio un magnate di Gaumont) ha recitato con Vincent Cassel per il film “La Bella e la Bestia“. Giovane fanciulla sbarazzina per il profumo Prada Candy, ultimamente Léa ha sperimentato nuovi look. | TUTTI I SUOI LOOK

I look “no”
Durante l’ultima Cerimonia degli César2014, l’attrice sfoggia un abito Prada blu elettrico. Un look che su di lei, risulta austero. No al trucco troppo acceso sugli occhi che sembrano addirittura “rimpiccioliti” e all’acconciatura un po’ troppo da “signora”.

Léa Seydoux in Prada per i Cesar Film Awards

Léa Seydoux in Prada per i Cesar Film Awards

Da un estremo all’altro. A Beijing per la conferenza stampa del film La Bella e la Bestia, Léa sfoggia un abitino nero griffato Prada. Sì all’abito. No invece a trucco ed acconciatura che la trasformano in ragazzina che, abito a parte, potrebbe essere appena uscita da un manga giapponese.

Léa Seydoux in Prada per la prima di

Léa Seydoux in Prada per la prima di “La Bella e la Bestia”

Il Look “nì”
Per i EE Rising Star Award di Londra, l’attrice opta per un abito floreale (Miu Miu) e un cappotto (Prada) in natté ricamo strass color cipria. Un look fresco ma che risulta vecchiotto su di lei. Ancora una volta, trucco e acconciatura da rivedere.

Léa Seydoux in Miu Miu al EE Rising Star Award

Léa Seydoux in Miu Miu al EE Rising Star Award

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter di FASHION TIMES

Commenti

comments